Ecco la Biblioteca vivente “Gabriele Scalfarotto”. Iniziativa di UniFg, Studenti e Cesevoca per la Giornata del libro

Oggi dalle 16.30 alle 19 nella Biblioteca di Area Umanistica – Dipartimento di Studi Umanistici dell’Ateneo di Foggia (via Arpi 176), verrà realizzato il progetto Biblioteca vivente “Gabriele Scalfarotto”, iniziativa organizzata dal Sistema Bibliotecario dell’Università di Foggia in collaborazione con il Consiglio degli studenti e Ce.Se.Vo.Ca.  per  celebrare la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. 

Una Biblioteca vivente  funziona come qualsiasi biblioteca: ci sono i libri da prendere in prestito, il catalogo dei titoli disponibili, i bibliotecari e una sala lettura con sedie e tavoli per la consultazione, e infine lettori e lettrici. I libri sono però persone in carne ed ossa che si mettono a disposizione dei lettori per raccontare la propria vita, spesso caratterizzata da esperienze di silenzio, minoranza e discriminazione.  Ogni lettore può prenotare un libro a scelta dal catalogo per una conversazione di circa mezz’ora. La Biblioteca Vivente nasce in Italia come esperienza di dialogo interculturale per poter conoscere realtà di vita diverse dalla propria. Consente di sperimentare sulla propria pelle il superamento del pregiudizio nei confronti del “diverso da sé”, contribuendo a creare una cultura più aperta e disponibile al dialogo, che non discrimini le persone in base alla loro origine etnica, alla religione, alle convinzioni personali, al genere, all’orientamento sessuale, all’età o alla condizione di disabilità.

Questo pomeriggio studenti, docenti e personale tecnico e amministrativo dell’Università di Foggia saranno impegnati nella “lettura” di cinque libri viventi: “Ali di farfalla”;”Alternativa di vita”;”In viaggio per amore”;”5 minuti all’equatore”;”Il medico di tutti”.