Avete paura del buio? La Piccola compagnia impertinente di Foggia porta in scena “Ombre cinesi”

Due appuntamenti pensati per i più piccoli, una ministagione di teatro ragazzi con due spettacoli (Ombre cinesi e Bubble circus) diversi per tematiche e forma artistica.

Due appuntamenti pensati per i più piccoli, una ministagione di teatro ragazzi con due spettacoli (Ombre cinesi e Bubble circus) diversi per tematiche e forma artistica. La terza stagione della Piccola compagnia impertinente di Foggia pensa a tutti e non trascura nessuno e, sabato e domenica prossimi, presenta lo spettacolo “Ombre cinesi”, scritto a quattro mani da Enrico Cibelli e Manuela Piemonte. “Ombre cinesi è una favola tutta incentrata sul sentimento della paura – spiega il direttore artistico della compagnia, Pierluigi Bevilacqua – un sentimento che i più piccoli vivono attraverso la paura primaria, ovvero la paura del buio. L’oscurità, però, non è altro che un modo per scoprire sé stessi e superare l’incognita di qualcosa che ci è solo parzialmente nascosta”.

In “Ombre cinesi”, spettacolo consigliato ai bambini di età superiore ai 4 anni, i personaggi sono esuberanti, surreali, moderni nella loro comicità; la narrativa è veloce e capace di tenere i piccoli spettatori incollati alla sedia, rapiti dalle scene. “Manuela Piemonte – continua Bevilacqua – è un altro incontro speciale che la Piccola compagnia impertinente ha incrociato lungo il suo cammino. Ha pubblicato il romanzo per ragazzi “Il giardino alla fine del mondo” (Mondadori, 2013) con lo pseudonimo Emma Romero, e suoi racconti sono apparsi su numerose riviste e in raccolta (Linus, Giallo Mondadori, Subway Edizioni). Insieme ad Enrico Cibelli ha contribuito a quest’opera originale che sarà presentata dalla compagnia in occasione di alcuni festival dedicati al teatro ragazzi”.

Ombre cinesi andrà in scena, con ben cinque repliche, il prossimo sabato 21 febbraio (spettacoli ore 17 e 20.30) e domenica 22 febbraio (spettacoli ore 11.30, 17 e 20.30) sul palco del Piccolo teatro impertinente di via Castiglione 49, a Foggia. In scena Serena De Lillo, Michela Delli Carri e Luciano Veccia. La regia è di Pierluigi Bevilacqua.

LO SPETTACOLO. A casa, dai nonni, in vacanza, come ogni notte prima di addormentarsi, Alba ha un’unica, grande paura: il buio. Ma una sera, mentre nella sua stanza entra un barlume di luce, la piccola Alba scopre di non essere davvero sola nel lettino: con lei c’è Mariasole, la sua simpatica e strampalata ombra, che cerca di tranquillizzarla per potersi congedare da lei fino al mattino. Questa non è una sera come tutte le altre, perché nel Regno del Buio sta per cominciare il torneo mondiale di ombre cinesi e Mariasole non può mancare. È l’appuntamento dell’anno. Ma c’è un problema: stanotte Alba proprio non vuole lasciarla andare. Ha troppa paura di fantasmi, vampiri, licantropi. Di tutte quelle strane creature, insomma, che vivono nell’oscurità e la terrorizzano. Ma sono davvero così terrificanti, queste misteriose creature? Mariasole decide di portare la sua amica proprio là dove non c’è luce, dove tutto sembra fare più paura, dove si svolge il magnifico torneo di ombre cinesi. Ha così inizio uno straordinario e divertente viaggio che le condurrà fin sotto gli occhi del padrone di casa: il Signor Buio in persona.