Mario Tozzi sul Gargano avverte: “Stiamo entrando nell’era del fuoco, della sabbia e del secco”

Il geologo e divulgatore scientifico tra gli ospiti del “Libro Possibile” a Vieste

Si è aperta con un dibattito sullo scottante tema della carenza di acqua il Libro Possibile, il festival in programma a Vieste in questi giorni. Ospite del forum moderato da Vito Palumbo di AQP, il geologo e divulgatore scientifico Mario Tozzi. “Il caldo record e la siccità sono la nuova normalità, purtroppo. E la colpa è solo ed esclusivamente nostra, dell’uomo. Quello che stiamo osservando in questi giorni è semplicemente la nuova ordinarietà. Il caldo sarà la regola, soprattutto nel Mediterraneo. Addio stagioni estive temperate. Stiamo entrando nell’era del fuoco, della sabbia e del secco. Ci lamentiamo, ma non basta. Bisogna cercare di fare qualcosa per correre ai ripari, ma non mi sembra che qualcuno lo stia facendo”.

Tozzi ha poi parlato di emergenza idrica. “Recuperare l’acqua quando piove è giusto, ma non realizziamo dissalatori che hanno un impatto chimico notevole, un impatto energetico e inquinante. Vanno bene nelle piccole isole come alle Tremiti, ma in altri posti proprio no. Gli invasi? Bastano quelli che ci sono, non sbarriamo più fiumi, ne abbiamo sventrati già abbastanza”.



In questo articolo: