Botte a fratelli gemelli a Stornara, fermate due persone. Una delle vittime ancora in gravi condizioni

Acquisiti gravi indizi di colpevolezza a carico di due soggetti, sottoposti alle indagini preliminari in ordine all’aggressione patita da due 32enni

A seguito di approfondite e mirate indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Foggia e condotte dai carabinieri della Sezione Operativa di Cerignola, di concerto con la Stazione dei carabinieri di Stornara, sono stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza a carico di due persone, sottoposte alle indagini preliminari in ordine all’aggressione patita da due 32enni, fratelli gemelli, avvenuta a Stornara lo scorso 2 ottobre 2021.

La sera in cui si è verificata l’aggressione, i due ragazzi, che si trovavano a Stornara a bordo della loro autovettura per un’uscita serale, dopo aver avuto un diverbio con gli occupanti un’Audi di colore nero, vennero raggiunti e picchiati da quest’ultimi, con calci e pugni. L’aggressione ha comportato per uno dei due fratelli il ricovero in ospedale, inizialmente solo per i traumi patiti, successivamente le condizioni cliniche si sono aggravate e tuttora il ragazzo è ricoverato in gravi condizioni. Non è stato ancora accertato in maniera inequivocabile se le condizioni siano peggiorate per altre concause o il tutto sia stato causato esclusivamente dalle percosse ricevute. La violenta aggressione scosse l’opinione pubblica del piccolo centro. Gli elementi indiziari acquisiti dai carabinieri sono stati posti a fondamento della richiesta cautelare avanzata dalla Procura della Repubblica e accolta dal giudice per le indagini preliminari con ordinanza emessa il 10 marzo scorso.

Il provvedimento cautelare è stato notificato nei giorni scorsi dai carabinieri di CerignolaVa precisato che il procedimento si trova ancora nella fase delle indagini preliminari e che gli indagati, seppur attinti da gravi indizi di colpevolezza in relazione al reato per il quale si è proceduto, non possono essere considerati colpevoli fino a condanna definitiva.



In questo articolo: