Puglia, arrivato nuovo bus con 44 profughi dell’Ucraina: due sono positivi al Covid

Tutti al momento stanno in regime di autosorveglianza sanitaria come previsto dalla normativa

È arrivato poco prima di mezzanotte a Strudà, frazione di Vernole (Lecce) , il pullman con a bordo 44 profughi ucraini giunti nel Salento grazie ad una iniziativa di solidarietà promossa da un gruppo di cittadini di Poggiardo. I profughi sono donne e bambini di età compresa da 1 a 14 anni . Ad accoglierli il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, funzionari della Prefettura e i vertici della Asl di Lecce.

All’arrivo i volontari delle associazioni locali hanno distribuito viveri, dolci e giocattoli. I profughi sono stati sottoposti a tampone nella struttura dell’ex Opis messa a disposizione dalla Provincia. Solo in due sono risultati positivi al Covid. Tutti al momento stanno in regime di autosorveglianza sanitaria come previsto dalla normativa. Parte dei profughi è rimasta nella struttura di Strudà, parte è stata trasferita a Masseria Ghermi, il centro a Lecce gestito dalla Croce Rossa. Tra cinque giorni ripeteranno il tampone e se l’esito sarà negativo saranno trasferiti in alcuni dei Cas della provincia.



In questo articolo: