Risiko di poltrone per guidare la sanità foggiana, Emiliano ha i nomi per il Policlinico Riuniti e l’Asl di Foggia

In ospedale si attende la nomina del commissario straordinario, prima della ridefinizione dello scacchiere regionale. I nomi sul tavolo sono quelli di Pasqualone e Delle Donne

Dopo la nomina di Rocco Palese alla Sanità, il governatore pugliese Michele Emiliano sembra essersi deciso sul futuro del Policlinico “Riuniti” di Foggia. Un commissario straordinario, prima della ridefinizione dello scacchiere della sanità regionale. I nomi sul tavolo sono quelli di Giuseppe Pasqualone e Alessandro Delle Donne. La nomina dovrebbe arrivare nei prossimi giorni con la riunione dell’esecutivo. Il primo sarebbe favorito, ma l’attuale vertice dell’Oncologico di Bari (per diversi anni a capo dell’Asl Bat) sembrerebbe la figura più idonea per l’importante programmazione avviata dall’Università di Foggia, con l’apertura di corsi di medicina nella sesta provincia e il ruolo strategico per il nuovo ospedale di Andria. La definizione per la guida dell’azienda mista arriverà infatti di concerto tra l’Ateneo guidato da Pierpaolo Limone e la giunta targata Emiliano.

Per la nomina del direttore generale però, dopo l’indagine sugli appalti che ha travolto Vitangelo Dattoli, potrebbe servire ancora tempo. In questo scenario, stando ad alcune indiscrezioni potrebbe rimanere al suo posto (come commissario) l’attuale direttore generale dell’Asl di Foggia, Vito Piazzolla, già confermato dall’ex magistrato per il secondo mandato consecutivo. Il manager barlettano, come il collega Pasqualone, arrivano dall’era Vendola, proprio dall’esperienza della “scuola di formazione” bocconiana, negli anni in cui lo storico esponente di centrodestra Palese era candidato alla presidenza della Regione contro il “poeta” di Terlizzi. Si chiude un cerchio, dunque, che ha avuto sempre un filo conduttore traversale. Nelle ultime ore, però, sembrano aumentare le quote di Antonio Nigri per via Protano. Il direttore sanitario che qualche tempo fa aveva lasciato – prima di tornare sui propri passi –  potrebbe essere il commissario a sorpresa, in attesa dell’avviso per la definizione della nuova direzione. La fine dell’emergenza alle porte – elemento che aveva di fatto prorogato il mandato di Piazzolla – sta facendo riflettere sulla possibilità di “allineare” le nomine delle aziende sanitarie pubbliche foggiane.

Da Brindisi, infine, non sembrano così convinti che il commercialista Pasqualone possa arrivare in viale Pinto. La sua carriera – prima all’Asl di Barletta, poi alla Sanitaservice Bat, fino al ‘regno’ all’Asl di Brindisi, dal 2012 ad oggi – lo ha portato ad essere un punto di riferimento per la sanità pugliese, al punto che Emiliano lo ha scelto come capo dell’azienda “zero”, la nuova creatura che l’ex magistrato ha pensato di metter su per accentrare le funzioni amministrative e le gare d’appalto. Un potere enorme, pronto per essere consegnato nelle mani di Pasqualone. Questo potrebbe tenerlo lontano da Foggia, aprendo di fatto la strada a Delle Donne per il post Dattoli al Policlinico.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui



In questo articolo: