Covid a scuola, il sindaco-docente: “Controlli non ci sono, difficile garantire l’incolumità delle persone”

Francesco Di Pasqua di Volturino si rivolge al governo. “Cercate di essere più seri e soprattutto prendete i dovuti provvedimenti per mettere in sicurezza gli istituti scolastici”

Francesco Di Pasqua, oltre ad essere il sindaco di Volturino è un docente del Liceo “Bonghi Rosmini di Lucera”. E attraverso l’Immediato ha voluto esternare una serie di problemi che si stanno verificando a scuola e legati all’aumento dei contagi da covid-19. “Il problema è di carattere generale e non riguarda solo il nostro liceo. Non è solo la questione di come si entra a scuola, ma dei controlli che purtroppo non ci sono. I controlli andrebbero effettuati prima dell’ingresso in classe, ad iniziare dai mezzi di trasporto pubblici, senza considerare quello che avviene davanti le scuole con i ragazzi che si abbracciano e si baciano e magari anche senza indossare le mascherine. A che servono i nostri controlli dopo quello che succede fuori? Condivido pienamente la tesi del presidente della Campania, De Luca“.

Students wearing face masks attend the first day of classes at the Erminio Franchetti school in Turin, Italy, 13 September 2021. ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

A parere di Di Pasqua “c’è troppa confusione anche nell’applicazione delle norme, poi ci scontriamo con la privacy dei ragazzi. In queste condizioni diventa molto difficile garantire l’incolumità delle persone. Chiediamo norme più serie e soprattutto ci devono consentire di poterle applicare, poi più controlli all’esterno. E non è finita. Ci troviamo di fronte a ragazzi ma anche a personale scolastico che per vari motivi non può vaccinarsi, ma per entrare non fa nemmeno il tampone. Ma stiamo dando i numeri? Questa gente – aggiunge Di Pasqua – non può entrare a scuola, si mette a repentaglio la vita di molte persone. Ministro Bianchi e governo tutto cercate di essere più seri e soprattutto prendete i dovuti provvedimenti per mettere in sicurezza la scuola”.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui



In questo articolo: