“Vieste è una città bonificata dalla mafia”, il sindaco invita alla calma dopo l’avvertimento al parente del boss

“Non sono particolarmente turbato da questo episodio. Voglio ricordare che nella lotta al contrasto del crimine organizzato siamo notevolmente avanti rispetto al resto della provincia”

“Si tratta di un episodio isolato, la nostra è una città bonificata dalla mafia”. Lo dichiara il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti dopo l’attentato dinamitardo ai danni dell’abitazione di un 39enne pregiudicato, parente del boss Marco Raduano.

“Nessun allarme, anche perché non si tratta di bomba ma di un petardo di Natale fatto esplodere davanti al portone dell’abitazione di un pregiudicato per questioni interne al loro mondo. Non sono particolarmente turbato da questo episodio, anche se bisogna dare il giusto significato a quello che è accaduto la notte scorsa qui a Vieste. Voglio ricordare che nella lotta al contrasto del crimine organizzato Vieste è notevolmente avanti rispetto al resto della provincia, anche alla luce delle ultime operazioni portate avanti da Carabinieri e Polizia. Restiamo ottimisti sul nostro futuro”.

Nei mesi scorsi sono stati inferti colpi durissimi alla malavita viestana, sgominata da blitz delle forze dell’ordine e successive condanne in sede processuale. Il velo di omertà si sta squarciando anche grazie alle testimonianze di alcuni pentiti.



In questo articolo: