Covid, via libera a prezzo calmierato per mascherine Ffp2. I consumatori: “1 euro è troppo”

Mascherine Ffp2: con le nuove regole anti Covid e l’obbligo di indossarle fino al 31 marzo su bus, treni, metro, aerei – ma anche al cinema, a teatro o al museo – è iniziata la corsa all’acquisto. Il governo ha appena deciso di calmierare i prezzi. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costaci mette la faccia.  “Ci sono le condizioni per non superare un euro a pezzo”, conferma dopo l’ultima verifica. Spiega: “Ci sono le condizioni e dobbiamo darcelo assolutamente come obiettivo”. E da quando scatterà il prezzo calmierato? “Questione di giorni – prevede il sottosegretario -. Direi che potrebbe essere possibile già dalla prossima settimana”.

Mascherine FFP2, nuovo decreto: ecco dove sono obbligatorie

Decreto Covid in Pdf: le nuove misure su quarantena e Green pass

Quanto costeranno?

Ma è subito discussione. “Un euro non si può definire prezzo calmierato – obietta Furio Truzzi, presidente di Assoutenti . Ho appena trovato uno stock a 39 centesimi. Le Ffp22 si dovrebbero trovare al massimo a 70 centesimi. E chi le ha acquistate a un prezzo maggiore da Natale, quando è scattato l’obbligo di indossarle, dovrebbe essere rimborsato presentando gli scontrini”.

“Si sta parlando di calmierare i prezzi delle Ffp2 ma è necessario evitare gli errori già commessi in occasione delle mascherine chirurgiche. Evitiamo, quindi, la speculazione sui prezzi delle Ffp2 ma anche la concorrenza sleale con prodotti non certificati Ce e non a norma, pericolosi, pertanto per la salute e la sicurezza degli utilizzatori”, avverte Claudio Galbiati,  presidente della sezione Safety di Assosistema Confindustria che rappresenta i produttori e distributori dei Dispositivi di protezione individuali (Dpi)”.

Quanto al prezzo, Galbiati ragiona sulle ultime gare fatte per gli ospedali, “da 50 centesimi a salire”. E proprio quello è il costo che Coop annuncia da domani in tutti i suoi supermercati. La stessa cifra vale anche per diversi discount (qualcuno però in questi giorni le ha esaurite). E vale ancora fino a domani 31 dicembre l’offerta di Tigotà, 5 mascherine a 2,99 euro.

“Cinquanta centesimi al pubblico mi pare un po’ basso come prezzo – commenta Galbiati -. Direi che il costo finale si potrebbe assestare su 70 centesimi-un euro. Il più basso se la distribuzione accetta di avere margini molto ridotti”. Ma cosa ne pensano i farmacisti? Marco Cossolo, presidente di Federfarma, è prudente: “Aspetto a pronunciarmi quando la decisione sia definitiva”. Quindi fa sapere: “Se ci sarà richiesto di partecipare per calmierare il prezzo delle FFP2, saremo a disposizione del governo come lo siamo sempre stati”.

Mascherine, chip mostra quando non sono più efficaci

Mascherine FFP2, il governo studia prezzi calmierati contro le speculazioni

Approvvigionamenti

Ma c’è un problema di forniture?  “Non facciamo allarmismi – si raccomanda il presidente di Federfarma -. Vero, la domanda è molto aumentata. Ma al momento le FFP2 non mancano”.   “Secondo me non dovrebbero esserci troppe preoccupazioni – conferma il sottosegretario Costa -. Anche perché in questi anni nel nostro Paese tante aziende hanno riconvertito la loro produzione”. Quindi stavolta non ci faremo cogliere impreparati? “Mi auguro che l’esperienza sia servita, altrimenti sarebbe grave”, conclude il sottosegretario.

Scuole

Antonello Giannelli presidente dell’Anp, l’associazione nazionale presidi, s’inserisce nella discussione proponendo di fornire gratuitamente le FFP2 alle scuole. “Ho avanzato la proposta, la ripresenterò nell’incontro del 4 gennaio con il ministro Bianchi – anticipa -.  Ma è chiaro, non può rispondere lui da solo, l’impegno economico dev’essere supportato da tutto il governo”. Oggi le FFP2 sono obbligatorie solo per i docenti delle scuole d’infanzia e in tutti i casi in cui ci sono alunni che non possono portare la chirurgica, per ragioni di salute. “Non sono uno scienzato – è il ragionamento di Giannelli-. Ma di fronte a questa variante più contagiosa ho chiesto che il Cts rivalutasse le regole. So bene che la FFP2 costa dieci volte tanto la chirurgica.  Ma se davvero queste mascherine possono diminuire il numero di contagi, questo a sua volta ha un effetto positivo sui conti del servizio sanitario nazionale. La domanda vera è:  meglio spendere di più prima e meno dopo per assistere chi si ammala?”.