Rubata la vecchia Fiat Panda delle suore di Orta Nova: “Per noi quel mezzo ha un grande valore affettivo”

Il mezzo era utilizzato per svolgere le mansioni di servizio in favore degli anziani e dei bambini ospiti della struttura

La panda delle suore

La criminalità non risparmia neanche le suore. La congregazione delle Suore Domenicane di Orta Nova, nella mattinata del 21 dicembre, ha subito un furto che ha creato sgomento nella comunità locale. Alle prime ore del giorno, le suore che da decenni operano sul territorio dei Reali Siti si sono accorte che era sparita la storica Fiat Panda da tempo parcheggiata davanti all’ingresso della casa per anziani. Il furto ha suscitato profonda tristezza tra le religiose che vivono nella struttura di Via De Gasperi.

Il mezzo, infatti, era utilizzato per svolgere le mansioni di servizio in favore degli anziani e dei bambini ospiti della struttura. La vecchia Panda delle suore conservava in sé anche un importante ricordo. Era stata donata alle suore dalla maestra Rina Calvio, una vera e propria istituzione per l’educazione dei tanti bambini che negli anni sono stati accolti dalla struttura ortese. Calvio era venuta a mancare più di un anno fa e così quella Panda rappresentava il suo ricordo per le suore.

Le suore hanno provveduto a sporgere denuncia presso la Caserma dei Carabinieri di Orta Nova. L’appello a chiunque la veda di segnalare la presenza dell’auto, non tanto per il valore economico, quanto per il ricordo che serba in sé: “Per noi quel mezzo ha un grande valore affettivo” – spiegano dalle suore di Orta Nova. “È stato un trauma non vederla più parcheggiata al suo solito posto, non pensavamo potesse interessare a nessuno e invece…”. (immagine di repertorio)



In questo articolo: