Appalti truccati, arrestato manager del Policlinico di Foggia Vitangelo Dattoli

Terremoto nella sanità foggiana. Il dg originario di Triggiano era stato confermato lo scorso anno dal governatore Emiliano alla guida del Riuniti

Arrestato il direttore generale del Policlinico Riuniti di Foggia, Vitangelo Dattoli, nell’ambito dell’inchiesta della Procura sugli appalti al Policlinico. Il manager barese è ai domiciliari. Ne dà notizia RepubblicaL’inchiesta, condotta dalla guardia di finanza, riguarda diverse presunte irregolarità nella gestione di gare della sanità foggiana, tra cui quella relativa all’elitrasporto degli organi per i trapianti.

Dattoli – 63enne di Triggiano – è stato in passato direttore generale del Policlinico di Bari e commissario della stessa struttura, dopo l’interdizione (poi revocata) del dg Giovanni Migliore nell’ambito di un’inchiesta su decessi connessi alla legionella.

Dattoli ha portato a compimento, l’iter per la realizzazione dell’ospedale Covid nella Fiera del Levante, che è stato poi attivato in concomitanza con il ritorno di Migliore. A Bari il manager aveva diretto l’azienda ospedaliera universitaria per oltre dieci anni. Era stato quindi nominato direttore generale del Policlinico foggiano, quindi commissario e poi di nuovo dg della stessa struttura.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui