La foggiana Rosa Menga espulsa dal Movimento 5 Stelle. “Per me non è una buona giornata, ma ho agito secondo coscienza”

Fuori dal movimento per il suo dissenso rispetto al Governo Draghi

“Per me non è una buona giornata. Ho ricevuto nella mia casella di posta la comunicazione che mi ha confermato ufficialmente l’espulsione dal gruppo parlamentare 5 stelle alla Camera”. Lo ha annunciato la deputata foggiana, Rosa Menga, fuori dai pentastellati per non aver sostenuto il Governo Draghi, preferendo esprimere il suo dissenso lasciando l’aula di Montecitorio.

“Non mi sono astenuta, non ho votato no. Ma la mia coscienza mi ha imposto una diversità di vedute rispetto al gruppo di cui facevo parte. Ho espresso la sofferenza di quel momento, spiegando in sessanta secondi il motivo di uscire da quell’aula senza esprimere un voto. Ho messo in dubbio, senza nascondermi, la legittimità del voto su Rousseau. Da statuto Vito Crimi non ha alcuna legittimazione”. Così Menga in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook.



In questo articolo:


Change privacy settings