Società Civile: “Foggia spera, non spara. Dimettetevi tutti”. Iaccarino: “Pronto a firmare col sangue per dimissioni di massa”

Dai social parte una nuova iniziativa: “#Dimettetevitutti. Scriviamolo su un lenzuolo, su un cartellone”. Intanto, il presidente del Consiglio comunale apre all’addio di tutti dal Comune

“Tutti fuori al balcone. Non per sparare ma per sperare”. Inizia così l’appello social del movimento “La Società Civile”, nato a Foggia pochi mesi fa. “Che i balconi di Foggia parlino. Scriviamolo su un lenzuolo o su uno striscione. #Dimettetevitutti. Le dimissioni del presidente del Consiglio Comunale Iaccarino sono un atto dovuto. Non ci sono scusanti e non saranno i suoi pochi fan a poter far rientrare uno scandalo di proporzioni internazionali, come abbiamo visto (la notizia è finita persino sulla stampa brasiliana, ndr). Ci si arriverà tramite sfiducia. Ma chi lo ha messo lì, scatenando anche un putiferio durante l’insediamento?
Le accuse rivolte poi al sindaco Landella sono giuste e rappresentano un altro paio di maniche. A quelle, che Iaccarino pare aver scoperto ieri, aggiungiamo tutti gli scandali squisitamente politici di mala amministrazione. Questo continuo tirare a campare, questa totale inefficienza che avvolge tutti i settori”.
E ancora: “Tutte le attività amministrative sono in proroga (AMIU, riscossione tributi), o in deroga, o inesistenti (il controllo dei vigili in questo periodo pandemico per esempio). Un’amministrazione indifferente per le questioni che riguardano i cittadini, dall’illuminazione ai trasporti, ma molto attenta quando c’è da fare affidamenti diretti e concessioni lampo in deroga alle normative. Il Fedora-Gate è solo la punta dell’iceberg, casualmente emersa. E di mezzo scandali gravi (non storie di amanti) che vanno dalle case popolari fino ad indagini su voti di scambio. Da domani i nostri balconi rispondano. Foggia spera, non spara. #Dimettetevitutti. Scriviamolo su un lenzuolo, su un cartellone, facciamo tutti uno striscione per chiedere le dimissioni della Giunta. Sproniamo anche tutti i Consiglieri Comunali a dimettersi in massa di modo che si possa far cadere il Consiglio e questa triste esperienza amministrativa ormai putrescente”.
Intanto, Iaccarino in un commento su Facebook ha commentato la proposta del senatore Marco Pellegrini, anche quest’ultimo convinto della necessità di dimissioni da parte di tutti i consiglieri comunali. “Non conosco personalmente il senatore Pellegrini ma giuro che sono disponibile ad apporre la mia firma con il sangue per le dimissioni di massa!”, ha scritto il politico.





Change privacy settings