“Landella sfregia l’istituzione con la complicità di Iaccarino”. Dem furiosi per la pace sul regolamento

Dopo l’inconsueto consiglio comunale, il PD va all’attacco del sindaco

“Landella sfregia l’istituzione comunale con la complicità di Iaccarino, mentre Foggia precipita nella crisi economica e sociale”. Tanto dichiarano in una nota in  segretario cittadino del Partito Democratico di Foggia, Davide Emanuele, e dei consiglieri comunali Pasquale dell’Aquila, Lia Azzarone, Francesco De Vito, Michele Norillo e Annarita Palmieri.

Ecco il loro pensiero.

Franco Landella sfregia l’istituzione comunale con la complicità esplicita di chi, il presidente del Consiglio comunale Leonardo Iaccarino, ha prima offeso e poi svenduto una funzione di garanzia democratica.
Oggi è stato pubblicamente sancito che il centrodestra è totalmente succube del sindaco e che tanto gli uni che l’altro usano la più importante istituzione cittadina per regolare conti personali e interessi elettorali.
Oggi, a Palazzo di Città, è stata messa in scena una farsa che nulla ha a cha fare con la politica e con il mandato elettorale ricevuto dai cittadini.
Perché mentre sindaco, presidente del Consiglio comunale e consiglieri hanno polemizzato e litigato la città è precipitata nella sua peggiore crisi sociale ed economica.
Continuano ad aumentare le persone che non riescono a mettere il piatto a tavola così come le serrande che restano chiuse. La disoccupazione cresce e nessuno a Palazzo di Città sembra preoccuparsene. La criminalità, organizzata e non, continua a predare e tutti i do-cumenti e tutte le parole dei mesi scorsi sono rimasti lettera morta.
La città continua ad essere sporca e buia. Le strade continuano ad essere dissestate. I servizi comunali continuano ad essere inefficienti.
Nulla è cambiato in positivo tranne, forse, la relazione tra Franco Landella e Leonardo Iac-carino, oggi nuovamente sodali chissà per quale magnifica battaglia in favore della città.
Certo, il sindaco dirà alla città che è sempre e tutto colpa del centrosinistra che ha governato Foggia o della Regione Puglia o del Governo o di chissà quale flagello biblico.
Perché è sempre responsabilità di altri, mai sua nonostante i 6 anni trascorsi a cercare di governare Foggia senza riuscire a risolvere uno solo dei problemi che cittadini denunciano quotidianamente.



In questo articolo:


Change privacy settings