“Abbiamo raggiunto i 100 casi di contagio, 30 ancora positivi”. A Torremaggiore vietato abbassare la guardia, il messaggio del sindaco Di Pumpo

Di Pumpo: “Dobbiamo continuare ad andare avanti con le dovute attenzioni per noi stessi e per gli altri, specie per le persone più deboli. Rinnovo il mio in bocca al lupo a tutti i lavoratori”

“Siamo ufficialmente in una nuova fase. Dopo lo stop causato dall’emergenza da Covid-19, finalmente stiamo cominciando piano piano a riprendere in mano le nostre vite. Ribadisco le raccomandazioni che devono aiutarci a vivere bene per continuare a proteggerci”. Lo ha detto il sindaco di Torremaggiore, Emilio Di Pumpo. La città dell’Alto Tavoliere risulta tra le più colpite dal virus in Capitanata.

“In tarda serata ieri, ho avuto aggiornamenti ufficiali in merito al totale dei contagi nella nostra cittadina. Complessivamente abbiamo raggiunto la quota 100 casi di contagio accertati, di cui 65 sono ormai guariti (fortunatamente), 5 sono deceduti e 30 sono attualmente positivi.
Questi dati – ha aggiunto il primo cittadino – ci devono dare la consapevolezza che non dobbiamo abbassare la guardia, ma dobbiamo continuare ad andare avanti con le dovute attenzioni per noi stessi e per gli altri, specie per le persone più deboli. Rinnovo il mio in bocca al lupo a tutti i lavoratori, datori di lavoro e cittadini che si stanno impegnando al massimo per rispettare le regole. Forza Torremaggiore”.





Change privacy settings