Pesca illegale sul Gargano, attrezzi e 40 metri di reti sequestrati dalla Guardia Costiera. Attività incessanti contro i trasgressori

L’attività di controllo sul litorale di Rodi Garganico, finalizzata alla repressione/contrasto in materia di pesca e della commercializzazione illegale di prodotto ittico, condotta dai militari della Guardia Costiera di Vieste e di Rodi Garganico, ha portato a rilevare ed accertare 2 infrazioni in materia di pesca ai sensi del D.lgs 04/2012.

I militari hanno rinvenuto e sequestrato 40 metri di rete ed attrezzi di un valore di circa 2.000 euro, utilizzati come vettore per la pesca illegale, e quindi non conformi a quanto previsto dalla normativa vigente.

Tali controlli proseguiranno in maniera incessante e senza soluzione di continuità al fine di contrastare tale attività di pesca illegale.



In questo articolo:


Change privacy settings