Troppi ragazzi umiliati online dai propri coetanei, l’incubo cyberbullismo al centro di un incontro al Volta di Foggia

A scuola Lorenzo Pedone, presidente dell’associazione “l’Amico Enrico”. Diffusi dati preoccupanti del fenomeno

Gli alunni di alcune classi terze del liceo scientifico “A. Volta” di Foggia hanno incontrato, lo scorso 12 febbraio, Lorenzo Pedone, presidente dell’associazione “l’Amico Enrico”, per parlare di cyberbullismo. Il cyberbullismo, il bullismo perpetrato in rete, rappresenta una vera e propria emergenza sociale (il 34% del bullismo è online) e i dati raccolti negli ultimi anni confermano l’incidenza del fenomeno.

Nell’ultima indagine condotta da Telefono Azzurro e Doxa kids su un campione di 600 12-18enni italiani quasi 1 ragazzo su 10 (8%) di quelli intervistati ha dichiarato di aver diffuso informazioni/video che umiliano qualcuno. Più di 1 ragazzo su 6 (21%) ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo e più di 1 su 10 (12%) individua in Internet il contesto in cui sono avvenute queste violenze con maggiore frequenza. Ciononostante, il reale impatto del cyberbullismo è spesso sottovalutato.



In questo articolo:


Change privacy settings