Mafia, che stangata della Prefettura di Foggia! 10 interdittive ad aziende della provincia

Raffaele Grassi: “Prosciugare il bacino di riferimento della cosiddetta ‘zona grigia’. Le attività commerciali ed imprenditoriali devono essere scevre da condizionamenti mafiosi”

Stangata della Prefettura di Foggia. Dieci interdittive antimafia emesse ad altrettante società di Capitanata. Colpiti numerosi settori. Nella lista anche aziende apparse nelle recenti relazioni antimafia di Manfredonia e Cerignola, comuni sciolti per infiltrazioni della criminalità organizzata.

Ci sono la GL Itticoltura di Manfredonia (società cooperativa del settore ittico), la Marittica srl di Manfredonia (stesso settore della prima, l’Immediato ne scrisse), la Divine Whims di Manfredonia (attività commerciale riconducibile al presunto favoreggiatore dell’omicidio di Giuseppe Silvestri a Monte Sant’Angelo), la Cinflo srl di Manfredonia (l’azienda di Luigi Palena, coinvolto nel blitz sulla strage di San Marco), la Brigida Matteo di Manfredonia (distributore di carburante con annesso bar, commercio al dettaglio di carburanti), la Moviland s.c.a.r.l. di Vieste (settore movimento terra), l’impresa individuale Antoniello Mauro di Cerignola (settore abbigliamento), la M.Petroli srls di Mottola Roberta di Cerignola (commercio al dettaglio di carburante per automazione con annesso bar), la Mondo Games Srls di Cerignola (società di internet point e scommesse online) e la Tradecenter srls di Cerignola (commercio elettronico al dettaglio di motoveicoli, autoveicoli e relativi ricambi).

“Dobbiamo prosciugare il bacino di riferimento della cosiddetta ‘zona grigia’ – ha detto il prefetto Raffaele Grassi -. Le attività commerciali ed imprenditoriali devono essere scevre da condizionamenti mafiosi. Si vuole una libertà di impresa pulita. Bisogna contestualmente impedire alle organizzazioni criminali di penetrare i settori della Pubblica Amministrazione per garantire il buon andamento della stessa. Pertanto, il pericolo che ciò possa accadere mi ha indotto ad adottare questi provvedimenti amministrativi. Continueremo senza sosta a svolgere le attività di monitoraggio antimafia in città ed in provincia”.