Foggia, massima concentrazione per l’Agropoli. Corda: “Chiedo alla piazza maggior equilibrio”. Torna Anelli

Le dichiarazioni del mister rossonero alla vigilia della trasferta in terra salernitana. In settimana l’arrivo di Diego Allegretti e del portiere Rizzitano

Domani alle 14:30 il Foggia torna in campo ad Agropoli per la seconda giornata del girone di ritorno. Dopo il pareggio allo Zaccheria col Fasano la squadra di Ninni Corda è alla ricerca di riscatto per cercare di riconquistare la vetta della classificata occupata dal Bitonto. I rossoneri sono secondi a 38 punti. “Sarà una partita molto difficile contro una squadra competitiva (seppur ultima in classifica). Ho timore di queste partite, sono le più difficili – le parole del tecnico rossonero in conferenza -. Voglio vedere la partita di una squadra che vuole vincere, stasera andiamo in ritiro perché dobbiamo concentrarci. Salvi, Carboni e Tedesco non sono disponibili. Anelli sta bene ha recuperato, Gemmi invece, ha bisogno di più tempo”.

Le decisioni del giudice sportivo: 4 giornate di stop a Tedesco, gara a porte chiuse e 1500€ di multa . “La piazza passa dal grande entusiasmo allo sconforto. Dalle stelle alle stalle. Dobbiamo crescere tutti ed avere più equilibrio – ha chiesto Corda -. La decisione di disputare una gara a porte chiuse mi sembra molto eccessiva. Vedremo dopo il ricorso cosa succede, spero che venga accolto. Giocare senza tifosi non sarebbe lo stesso, anzi si tratterebbe dell’ennesimo torto. Noi dobbiamo essere più forti di qualsiasi cosa”.

Mercato. “Cerchiamo ancora un under 2001 e una punta over. Gabrielloni? Se vuole venire bene, sta aspettando altre proposte dalla Serie C. Noi però abbiamo bisogno di gente motivata e che sposi un progetto importante per il futuro. Non possiamo aspettare. Non possiamo vivere di ricordi con gente che giocava in Serie B”.

I due nuovi acquisti: Allegretti e Rizzitano. Più di 200 presenze tra Serie C e Serie D, per il 28enne attaccante recanatese Diego Allegretti ha vestito in carriera le maglie di Sangiustese, Santegidiese, Fano, Treviso, Noto, Recanatese e Vibonese, club dove ha rappresentato un punto di riferimento importante per cinque anni, contribuendo alla scalata dall’Eccellenza alla Lega Pro, collezionando ben 132 presenze e 62 gol in totale, prima di rescindere consensualmente il contratto che lo legava ai calabresi e firmare col Foggia. “Arrivo in un club che non ha nulla a che vedere con questa categoria, giocare per il Foggia e per i suo tifosi sul prato dello Zaccheria è uno spettacolo – commenta a caldo Diego, neo-attaccante dei satanelli – ecco perchè scendere in D non è stato un problema per me. Credo molto in questo progetto, ho avuto modo di sentire mister Corda ed è motivatissimo, così come lo sono io nel vestire questa maglia storica. Bisogna raggiungere l’obiettivo promozione e darò tutto per aiutare i miei compagni, sarò a totale disposizione”.

“Avevamo bisogno di inserire nel reparto avanzato un calciatore che conoscesse la categoria – spiega il direttore sportivo rossonero, Riccardo Di Bari – e Diego ha dimostrato di voler sposare a pieno la nostra causa, rifiutando diverse proposte importanti da club di altri gironi e scendendo di categoria pur di vestire la maglia del Foggia e far parte del nostro gruppo. E’ un attaccante duttile, rapido e di qualità, l’ennesimo giocatore con dei campionati vinti nel curriculum e arriva qui col giusto entusiasmo grazie all’ennesimo sacrificio economico della società, che dimostra di voler a tutti i costi vincere il campionato”.

Rosario Rizzitano. Portiere classe 1999, cresciuto nel settore giovanile della Reggina, lo scorso anno ha difeso i pali del Nardò (24 presenze) in Serie D. Quest’anno ha iniziato la stagione con la maglia del Fasano, club dal quale si è svincolato. “Aver firmato col Foggia è motivo di orgoglio per me, qui si respira la storia. Ho grandi motivazioni, ringrazio società e mister per la fiducia e l’opportunità che mi hanno dato di far parte di questo gruppo, col quale già lavoro dando sempre il massimo. Adesso sta a me dimostrare di meritare tutto questo”.



In questo articolo:


Change privacy settings