La droga viaggia sul bus, arrestato corriere tra Foggia e Napoli. Nello zaino un chilo di stupefacenti

Blitz della squadra mobile al casello di Candela. L’indiziato ha ammesso il possesso di 40 grammi di hashish sequestrati a casa, sostenendo l’uso personale. Respinge le altre accuse

Beccato corriere della droga tra Napoli e Foggia. La polizia ha arrestato il 48enne foggiano Attilio Vittozzi, sorpreso dal gruppo “Falchi” della squadra mobile all’altezza del casello di Candela.

L’uomo aveva con sé dieci panetti di hashish per un peso complessivo di un chilo. La droga è stata ritrovata sul bus che stava riportando Vittozzi verso Foggia. Secondo gli investigatori era andato a Napoli per rifornirsi di stupefacenti.

Ieri mattina dopo l’interrogatorio in carcere, il giudice ha concesso i domiciliari. L’indiziato ha ammesso il possesso di 40 grammi di hashish sequestrati a casa, sostenendo l’uso personale; ha invece escluso che fosse suo il chilo di hashish, da cui si potevano ottenere circa 2mila dosi, custodito nello zainetto. Secondo Vittozzi sarebbe di proprietà di qualche altro passeggero del bus.

Gli agenti del gruppo Falchi avrebbero notato mercoledì scorso il foggiano salire a mezzogiorno sul bus Foggia-Napoli: sospettando che potesse essere andato nel capoluogo partenopeo per rifornirsi di droga, hanno deciso di attenderne il rientro a Foggia. Si sono quindi piazzati nei pressi del casello autostradale di Candela; e dopo aver controllato i primi due bus Napoli-Foggia senza trovare Vittozzi, hanno fermato il terzo veicolo intorno alle 18.30 con l’indiziato a bordo. Lo zainetto con il chilo di hashish diviso in 10 panetti era poggiato sul portapacchi; e l’accusa ritiene che fosse del foggiano perché alla partenza sarebbe stato notato con uno zaino uguale o molto simile. La successiva perquisizione domiciliare ha portato al sequestro di ulteriori 40 grammi di hashish. 



In questo articolo:


Change privacy settings