Branco di scalmanati a Foggia, individuati gli autori delle violente aggressioni

In merito agli ultimi episodi che hanno visto coinvolti dei ragazzi minorenni in episodi di aggressioni a Foggia, la Polizia di Stato è riuscita ad identificare gli autori di tali gesti.

Le attività espletate dagli agenti della Questura hanno permesso di ricostruire la dinamica dell’aggressione subita la sera del 6 ottobre scorso da un uomo di 63 anni al rione Martucci in seguito ad un diverbio per futili motivi avuto dalla vittima con alcuni minori nei pressi dello stabile dove risiede. Deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari due ragazzi di 14 e 15 anni.

Analogo epilogo ha avuto l’attività espletata dagli agenti della Questura di Foggia con riguardo all’aggressione denunciata dal papà di un ragazzo di 15 anni, vittima di percosse la sera del 12 ottobre scorso da parte di suoi coetanei che lo hanno colpito al viso con due pugni mentre era a passeggio in compagnia di alcuni amici. Difatti, nonostante lindifferenza alle provocazioni ricevute da parte del gruppetto, due ragazzi si sono avvicinati al 15enne per colpirlo con due pugni, allontanandosi subito dopo.

Gli agenti della Polizia di Stato hanno individuato l’aggressore, un ragazzo di anni 11, che, una volta accompagnato in Questura, è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari e poi affidato ai genitori.

Infine, con riferimento all’ultimo episodio avvenuto nella tarda serata del 12 ottobre scorso nel quale un uomo di 50 anni è stato aggredito da alcuni ragazzi, in Piazza degli Scopari, sono in corso attività di polizia finalizzate a raccogliere gli elementi utili all’identificazione degli autori, attraverso l’acquisizione di immagini e la raccolta di testimonianze rese da persone presenti all’accaduto.

“Preme evidenziare che le indagini sinora esperite consentono di escludere che ad agire, nei suddetti tre episodi, siano state le stesse persone – fanno sapere dalla Questura -. Sono stati rafforzati i servizi di vigilanza e controllo del territorio nei principali luoghi di aggregazione dei cittadini”.



In questo articolo: