La Lega fa la sua gazebata contro il Governo Conte. Firma anche Splendido corteggiato da Toti

L’obiettivo è confermare i numeri delle scorse chiamate alla firma, per non mostrare contraccolpi, che nei sondaggi appaiono molto evidenti e hanno già rabbuiato Matteo Salvini.

Tutti alla gazebata in casa Lega: i salviniani trascorreranno il weekend raccogliendo firme ai gazebo contro il Governo Conte bis, definito un esecutivo di “poltronisti”. L’obiettivo è confermare i numeri delle scorse chiamate alla firma, per non mostrare contraccolpi, che nei sondaggi appaiono molto evidenti e hanno già rabbuiato Matteo Salvini.

Ieri c’è stata la riunione della segreteria cittadina foggiana in Piazza del Lago in centro storico nell’appartamento messo a disposizione dall’avvocato Joseph Splendido. Il legale stamattina si è visto al gazebo dopo molte diserzioni ufficiali degli appuntamenti leghisti, compreso il pratone di Pontida. Non c’era neppure al D-Campus per l’incontro con gli onorevoli Massimo Casanova e Rossano Sasso.

L’ex capolista della Camera nel 2018, ex consigliere comunale ed ex consigliere provinciale, che resta l’uomo che ha portato la percentuale provinciale più alta della Lega in regione Puglia più di Sasso e Tateo oggi deputati, dopo aver deciso di non ricandidarsi né in Provincia né in Comune, aiutando Raimondo Ursitti per la prima e Salvatore De Martino e Luciano Natale per il secondo, sta vivendo una fase di forte corteggiamento da parte di altri movimenti.

Joseph Splendido firma al gazebo

Secondo le indiscrezioni, il governatore ligure Giovanni Toti lo avrebbe contattato personalmente per consegnargli il partito Cambiamo, così come avrebbe avuto interlocuzioni anche con i vertici dei Fratelli d’Italia ed altre formazioni civiche (del resto Splendido proviene dal civismo di DestinAzione comune) legate a Michele Emiliano.

A l’Immediato però smentisce ogni possibile cambio di casacca. “Resto fedele al Capitano” taglia corto.

In casa Lega i candidati già dati per certi, che puntano ad arrivare in vetta alla lista delle regionali, per essere sicuri di essere eletti, sono almeno tre: il segretario provinciale e consigliere vichese Daniele Cusmai, che ha dalla sua il sostegno incondizionato di Casanova e Ursitti ma anche dell’organigramma delle varie segreterie cittadine della Capitanata, 30 delle quali vicinissime a lui; Luigi Miranda che 5 anni fa ottenne un risultato lusinghiero con Forza Italia e che ha già in tasca i suoi 4500 voti e l’outsider Marco Trombetta, di casa a Cerignola dove ha famiglia, con una estrema voglia di affermarsi e di coinvolgere gli stakeholders economici e sociali locali.

A loro si affiancano le donne, Bocola è ormai bruciata, secondo molti, ma potrebbero decidere di aderire alla Lega le due amiche sanseveresi Anna Paola Giuliani e Rosa Caposiena.

Insomma, il supporto di Splendido, in una competizione che vede sulla carta più o meno appaiati i tre uomini, potrebbe essere determinante, dal momento che molti leghisti danno per scontato che Michele Emiliano tornerà a vincere le Regionali e che quindi la Lega possa eleggere un solo consigliere.

Resta l’incognita di Leo Di Gioia, che ha visto sfumare in una settimana d’agosto la nomina in Ismea: aderirà alla Lega, come tanti mormorano, o si sceglierà una lista civica per tornare a Bari?

 

 





Change privacy settings