Trasporto pubblico, Foggia rischia di perdere 2,8 milioni. “Regione vuole scipparci chilometri”

Le criticità maggiori nei centri urbani di Foggia, Cerignola, San Severo e San Giovanni San Giovanni Rotondo

Doppia relazione, con un pesante fascicolo, da parte della Provincia a firma del dirigente Giovanni Dattoli e del dirigente ed ingegnere dell’Ataf Ciuffreda. “La proposta della Regione prevede una riduzione importante di chilometri, ma posso confermare così come già anticipato con un nostro documento inviato qualche mese fa in Regione, la nostra ferma decisione di non farci scippare i chilometri che avevamo in precedenza”.

Si esprime così a l’Immediato il presidente della Provincia Nicola Gatta che domani insieme alla delegazione trasportistica dell’amministrazione provinciale, composta dal consigliere delegato Gino Fusco e dal dirigente delegato vedrà l’assessore Gianni Giannini a Bari alle ore 15.30. L’assessorato regionale ha convocato sul tema tutte le province pugliesi e avrà degli incontri bilaterali con tutti i territori.

La riduzione per Foggia ammonta a ben 1 milione e 600 mila chilometri pari ad un finanziamento, secondo quanto riconosciuto al Consorzio Cotrap di 1,8 euro a chilometro. Quindi solo per la città si tratta di 2,8 milioni di euro in meno. Per le tratte extraurbane i minori chilometri previsti dalla Regione Puglia dovrebbero essere 300mila circa.

“Le criticità maggiori sono per i centri urbani: Foggia, Cerignola, San Severo, San Giovanni, c’è un taglio maggiore rispetto al taglio extraurbano. Domani ribadiremo il nostro dissenso. Il taglio dell’extra urbano è nella misura massina invece del 10%, un taglio che si può anche superare, abbiamo qualche linea che potrebbe essere meglio razionalizzata. Il problema è per la città di Foggia”, spiega ancora Gatta.