Giunta Foggia, Di Fonso su tutte le furie dopo le nomine di La Torre e Vacca. Sotto accusa Ursitti, Vigiano e Splendido

Massimiliano Di Fonso scatenato dopo le nomine degli assessori della Lega, Paolo La Torre e Raffaella Vacca, rispettivamente all’Urbanistica e alle Politiche Sociali. Il più suffragato alle scorse elezioni con oltre 1500 voti, si è scagliato contro Raimondo Ursitti, ritenuto il vero artefice delle recenti scelte in giunta. Secondo Di Fonso, il segretario dell’ente Fiera, in ticket con la Vacca alle ultime Amministrative, avrebbe letteralmente spaccato il partito.

Infatti, i consiglieri eletti (su tutti Fiore, Iadarola e lo stesso Di Fonso) si sono autosospesi dal partito, come ampiamente riportato. “Questi sono coloro che hanno ucciso il partito della Lega a Foggia. Puoi avere anche 10 Mila voti, non conta nulla, Vali meno di Zero, conta il Gruppo. Zero Popolo”, questo il post pubblicato da Di Fonso sulla sua bacheca Facebook, con un fotomontaggio di Ursitti, Vigiano e Splendido. “Questi tre pur di entrare in consiglio comunale hanno bloccato Foggia. Io non lo permetterò mai. Mandiamoli a casa subito”.



In questo articolo: