Sigilli a lido e bar-ristorante di Peschici, attività abusiva era già sotto sequestro. Ombrelloni e lettini non autorizzati

Deferiti all’autorità giudiziaria gli abusivi occupatori dell’arenile, che avevano posizionato senza alcuna autorizzazione le attrezzature balneari

Nella giornata del 22 luglio 2019, i militari della delegazione di spiaggia di Peschici, coadiuvati dal personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste e dell’Ufficio Locale Marittimo di Rodi Garganico, si sono recati sui luoghi già in sequestro presso la località Jalillo, in agro del Comune di Peschici.

Giunti sul posto, hanno accertato la violazione dei sigilli di una struttura adibita a bar-ristorante e attività balneare abusiva, in spregio del vincolo di sequestro dei manufatti e di parte dell’arenile. Inoltre è stata accertata una occupazione di area demaniale marittima di mq. 700 circa mediante posa di attrezzature balneari composte da 61 ombrelloni e 116 lettini, in totale assenza di qualsivoglia autorizzazione rilasciata dagli Enti competenti.

Si procedeva dunque alla riapposizione dei sigilli, e a deferire all’autorità giudiziaria gli abusivi occupatori di arenile mediante attrezzature balneari, poste quest’ultime in sequestro.

“Si coglie l’occasione – fanno sapere dalla Guardia costiera – per ricordare che la partecipazione attiva dei cittadini (anche tramite il numero 1530) alle varie vicissitudini legate al mare risulta essere un ottimo contributo a preservare non solo la vita umana in mare, ma anche a proteggere l’intero ambiente marino”.