“Oro Rosso”, il rame fa sempre gola alla malavita. Controlli serrati nel Foggiano

Sono stati 20 i depositi che trattano la rottamazione di metalli complessivamente sottoposti a verifica nelle Regioni Puglia, Basilicata e Molise

Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’operazione nazionale denominata “Oro Rosso”, sono stati effettuati controlli straordinari dalla Polizia Ferroviaria del Compartimento Puglia, Basilicata e Molise, lungo le tratte ferroviarie regionali e su strada, al fine di contrastare il fenomeno dei furti di rame in danno delle imprese ferroviarie. Particolare attenzione alla provincia di Foggia, da sempre falcidiata dal fenomeno.

Sono stati 20 i depositi che trattano la rottamazione di metalli complessivamente sottoposti a verifica nelle Regioni Puglia, Basilicata e Molise, con l’impiego di 31 operatori della Polizia Ferroviaria, che hanno proceduto ad approfonditi accertamenti nei siti e nei confronti di circa 130 persone. 

L’attività non ha fatto emergere anomalie, ma i costanti controlli uniti alle operazioni straordinarie, sono un deterrente per contrastare efficacemente tale tipologia di reato predatorio.

Il fenomeno dei furti di rame e materiali ferrosi, colpisce imprese del settore trasporti ma anche quelle dell’energia e delle telecomunicazioni, e oltre a creare un danno rilevante alle aziende, provocano spesso l’interruzione dei pubblici servizi come quello dei treni.    



In questo articolo:


Change privacy settings