Foggia: infastidisce viaggiatori poi si scaglia contro agenti per strangolarli. Attimi di tensione in stazione

La polfer costretta a intervenire nella sala d’attesa in seguito agli atteggiamenti molesti di un 25enne. Il giovane condotto in carcere, feriti i poliziotti

Lunedì pomeriggio 17 giugno scorso, agenti della Sezione Polizia Ferroviaria di Foggia sono intervenuti nella sala di attesa della stazione attirati dalle urla di una persona. All’interno del locale hanno trovato un cittadino straniero che infastidiva pesantemente i viaggiatori, pronunciando ad alta voce frasi sconnesse nei loro confronti.

Il giovane, un venticinquenne di origini ghanesi, già noto alle forze dell’ordine, con numerosi precedenti di polizia, invitato a lasciare la sala di attesa, ha reagito in modo spropositato e aggressivo, proferendo parole offensive verso gli agenti e attingendoli con pugni e calci, tentando anche di strangolare uno di loro per guadagnarsi la fuga.

Con non poche difficoltà il 25enne è stato bloccato e ricondotto alla calma, nonostante i componenti della pattuglia riportassero diverse lesioni per la violenza ricevuta.

Lo straniero è stato tratto in arresto per resistenza, violenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale e ristretto presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’autorità giudiziaria. Gli agenti feriti hanno dovuto fare ricorso alle cure mediche presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale civile di Foggia, dove, al termine degli accertamenti sanitari, sono stati dimessi con diversi giorni di prognosi.