Rubano materiale elettrico a Foggia, ma la polizia li becca sul fatto. Due arresti, complice in fuga

L’auto utilizzata per trasportare la refurtiva, unitamente alla merce asportata veniva sottoposta a sequestro penale, come anche le cesoie usate per danneggiare la porta in ferro del deposito

Gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura di Foggia, durante un servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto dei furti notturni presso le attività commerciali, hanno tratto in arresto  Raffaele Pollidoro, classe 1991 e Giuseppe Simone, classe 1980 per furto aggravato in concorso.

Nella nottata verso le 3.30 gli agenti ricevevano la nota dalla sala operativa che era in atto un furto presso un deposito di materiale elettrico in Via Pescheria, ad opera di tre persone. I poliziotti sono intervenuti immediatamente, beccando sul posto in flagranza di reato due persone, che stavano caricando la merce rubata a bordo di una Fiat 500, mentre che un terzo complice trasportava il materiale rubato dall’interno del magazzino all’esterno. Uno dei tre soggetti che aveva modo di avvedersi per primo della presenza della polizia, riusciva a darsi alla fuga, mentre gli altri due venivano fermati e tratti in arresto.

L’auto utilizzata per trasportare la refurtiva, unitamente alla merce asportata veniva sottoposta a sequestro penale, come anche le cesoie usate per danneggiare la porta in ferro del deposito. Entrambi i due soggetti dopo le formalità di rito, venivano condotti presso la propria abitazione agli arresti domiciliari a disposizione della locale Procura della Repubblica.



In questo articolo: