“Non ho colpito tutti gli autisti di FerGargano. Ho riportato episodio circoscritto”

Ho letto il comunicato stampa di risposta all’esposto da me presentato alla Direzione Generale delle Ferrovie del Gargano, e ritengo doveroso da parte mia fornire qualche ulteriore precisazione all’azienda e ai lettori.
Nel mio esposto, che avevo girato anche agli organi di informazione, ho semplicemente riportato un episodio circoscritto: quanto accaduto su un autobus delle linee extraurbane delle Ferrovie del Gargano, protagonisti me (mio malgrado) e un conducente delle Ferrovie del Gargano. Non era affatto generico, né intendeva esserlo. E il passaggio al “dipendente che in quel momento rappresenta tutta la vostra azienda” credo sia incontestabile anche da parte di qualsiasi Ufficio Legale al mondo, perché si tratta di un dipendente in quel momento nell’esercizio delle sue funzioni e non altrove, privato cittadino. Il sottoscritto non ha quindi affatto colpito, come espresso nel testo del comunicato, “tutti gli autisti e dipendenti delle Ferrovie del Gargano”. E alla luce di questo, non si comprende quale sia l’ “accusa ingiusta e non accettata dall’Azienda”, che risulta assolutamente infondata leggendo attentamente quello che io ho scritto e riportato.

Claudio Botta