Foggia, espulso dall’Italia migrante che creò il caos alla Madonna del Rosario

Espulso dall’Italia il 25enne gambiano che il 2 gennaio scorso nel cortile esterno della Parrocchia della Madonna del Rosario di Foggia aveva danneggiato una teca contenente la statua della Madonna e aveva incendiato un presepe, motivando il suo gesto con la sua appartenenza alla fede musulmana. Lo straniero era stato arrestato dai carabinieri di Foggia intervenuti e ai quali aveva opposto resistenza. Successivamente il giovane africano era stato sottoposto – su iniziativa del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – a monitoraggio durante la sua detenzione e una volta scarcerato, lo scorso 5 maggio, è stato trattenuto nel Centro per rimpatri di Caltanissetta ed espulso con accompagnamento nel Paese di provenienza. Con questo rimpatrio – 54 dall’inizio dell’anno – salgono a 186 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel Paese di provenienza dal gennaio 2015 ad oggi.





Change privacy settings