Un B&B gestito da ragazzi down, a Foggia il progetto che coniuga impresa e disabilità

Prende vita FormAbility, il progetto che promuove l’autonomia lavorativa nell’ambito del Turismo Sociale e che vede protagonisti otto giovani ragazzi con Sindrome di Down nella gestione di un Bed&breakfast. La sfida, volta a coniugare impresa e disabilità, è stata presentata ieri pomeriggio presso la sede del CSV – Centro di Servizio al Volontariato di Foggia, alla presenza dell’Associazione Civico 21 Onlus e di Formever Lab – Cooperativa Sociale. Otto mesi di tempo – dal 7 novembre 2016 al 30 giugno 2017 – di impiego, attività e coinvolgimento in un appartamento vero e proprio in attività di formazione, accompagnamento e start up dell’attività imprenditoriale del B&B. L’appuntamento di ieri è stata anche l’occasione per fare il punto sul percorso formativo avviato e ascoltare le prime impressioni dei ragazzi partecipanti e i loro genitori. 

Ragazzi Down impegnati in attivita di formazione presso la sede del B&B-1

“È importante garantire a questi ragazzi una piena inclusione per affrontare la vita – dice Stefano Rinaldi, presidente di Civico 21 Onlus -. Nel primo incontro formativo sono emerse diverse realtà sul nostro territorio, ecco perché con il progetto puntiamo a concretizzare realmente la vita di questi ragazzi. Inoltre – tiene a precisare Rinaldi – questa iniziativa diverrà un lavoro duraturo nel tempo e non sarà limitato all’esperienza stessa. Nel progetto saranno coinvolti anche alcuni tirocinanti dell’Università di Foggia, che osserveranno i ragazzi nello svolgimento delle varie mansioni. Al termine dell’osservazione realizzeranno un focus su quella che è la situazione lavorativa dei ragazzi con Sindrome di Down nel nostro territorio e che sarà successivamente pubblicata”. 

FullSizeRender_4

A testimoniare l’impegno della ricerca e il conseguimento del tirocinio, la professoressa Anna Dipace del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia. Attività di monitoraggio sulle risorse del nostro territorio sono garantite anche dal Comune di Foggia, come sottolinea Maria Rosaria Bianchi dell’Assessorato alle Politiche Sociali. Accanto a Civico 21 la Cooperativa Formever Lab, prima Start Up Innovativa a Vocazione Sociale della provincia di Foggia, che si occupa di formazione e sviluppo di competenze lungo tutto l’arco della vita, con particolare riferimento a persone in condizione di disagio. “Abbiamo lavorato sodo in questi anni, diversi progetti e attività di integrazione e reinserimento sociale di giovani e anziani – spiega Anna Maria Testini, presidente di Formever Lab -. Il coinvolgimento dei ragazzi universitari è molto importante perché il tutto avviene tramite esperienza diretta che loro svolgono attraverso il tirocinio formativo sul fenomeno della disabilità” – ha continuato la presidente del laboratorio di progetti ed idee. 

Attivita di formazioneDegli otto ragazzi partecipanti Elvira Pia Autullo ha raccontato la sua personale esperienza in queste prime settimane di attività. “Sono di Lucera, ho 19 anni e frequento il 5^ anno dell’Istituto Alberghiero. Da grande mi piacerebbe lavorare nel turismo e accogliere le persone al loro arrivo”, si presenta subito così, seppur tanto emozionata, Elvira. 

“Ho scritto un curriculum, ho fatto un colloquio di lavoro e ho imparato che cos’è una cooperativa. È stata una bellissima esperienza e non vedo l’ora di continuare a farla insieme ai miei compagni”. Al Laboratorio di Progettazione Partecipata di “FormAbility”, hanno partecipato anche gli altri partner e soggetti proponenti, Cristina Bubici dell’Associazione “Il Girasole”, Laura Pipoli componente del CSV Foggia e il Gruppo Scout Foggia 1 Antares.