“Puglia incontra l’Universo”, ecco a Foggia lo scienziato Accomazzo. Appuntamento con gli studenti

Andrea-Accomazzo

pugliaincontraaccomazzofoggiaIl 6 maggio a Foggia l’ingegner Andrea Accomazzo, capo della Divisione Missioni Solari e Planetarie dell’ESA, Agenzia Spaziale Europea. Accomazzo incontrerà gli studenti foggiani in un incontro organizzato dalla Società Astronomica Pugliese.
L’incontro si terrà alle 17.30 a palazzo Dogana, sala del tribunale. “Rosetta, un sogno durato trent’anni” il titolo dell’intervento dell’ingegner Accomazzo, responsabile delle operazioni di volo della missione Rosetta il cui lander Philae è atterrato sulla cometa Churyumov-Gerasimenko il 12 novembre 2014. Si tratta di una missione iniziata nel 2004 per studiare l’origine delle comete e le relazioni tra la loro composizione e la materia interstellare, quali elementi fondamentali per comprendere l’origine del sistema solare.
La conferenza rientra nell’iniziativa “Puglia incontra l’Universo”, rassegna di seminari scientifici per gli studenti ideata dalla Società Astronomica Pugliese.
Per il liceo “G. Marconi” l’incontro con l’ingegner Accomazzo conclude il “Progetto Cielo”, Corso di Astronomia rivolto agli studenti delle classi terze, quarte e quinte dell’istituto, organizzato da Antonio Milazzi (docente di matematica e fisica) e da Rocco De Carlo (docente di Scienze). L’incontro è aperto alla cittadinanza.

Scheda

Andrea Accomazzo, ingegnere aerospaziale, dal 1999 è membro del Centro operativo spaziale europeo (European Space Operations Centre – ESOC) dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con sede a Darmstadt in Germania. Attualmente, quale capo della Divisione Missioni Solari e Planetarie sovrintende a tutte le missioni spaziali dell’ESA. Nella sua carriera ha ricoperto anche il ruolo di direttore delle operazioni della missione Venus Express ed è, tuttora, dopo aver collaborato alla progettazione, responsabile delle operazioni di volo della missione Rosetta che con il suo lander Philae è atterrata il 12 novembre 2014 sulla cometa Churyumov-Gerasimenko. Per il grande successo della missione, Andrea Accomazzo è stato proclamato scienziato dell’anno 2014 dalla rivista Nature.