Tutto sul nuovo centro commerciale di Sarni, entro luglio la selezione del personale e i negozi

Schermata 2016-04-06 alle 14.53.50

Schermata 2016-04-06 alle 14.54.04Ritardi e costi che lievitano. Rispetto a 7 anni fa, periodo in cui fu pensato il nuovo centro commerciale di Foggia in zona Asi, il contesto è completamente mutato. La crisi economica ha cambiato lo scenario, allungando così i tempi per ammortizzare l’importante investimento da 10 a 18 anni. Roba da far indietreggiare qualsiasi imprenditore. “Ho deciso di proseguire perché questa è la mia terra – ha spiegato Antonio Sarni, imprenditore originario di Ascoli Satriano -, perché non si può tornare indietro con un investimento di questa portata”. Il grande progetto di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi vedrà la luce entro la fine dell’anno. Nei prossimi mesi (entro luglio probabilmente) verranno chiusi i contratti con gli espositori (150 i negozi previsti, ndr). E sempre nello stesso periodo verrà messo su il sito che dovrà raccogliere le candidature per i 700 posti di lavoro disponibili che, a regime, diventeranno più di 1000. Una vera e propria manna dal cielo per una provincia falcidiata dalla disoccupazione. 

Ma i problemi sono sempre dietro l’angolo. A cominciare dalla burocrazia. “Ho fatto investimenti in tutta Italia e non ho mai avuto problemi – si è confidato l’imprenditore -, ma non ho mai trovato tutti questi rallentamenti. Persino in Sicilia è stato più semplice“. L’opera strategica è stata pensata per coprire il fabbisogno della Capitanata, visto che secondo indagini di mercato molte famiglie durante il fine settimana si spostano fino a Termoli e Pescara. A sud, invece, c’è l’area commerciale di Molfetta (con la quale il centro di Sarni avrà delle analogie) ad attrarre persone. Una “mobilità commerciale passiva”, per così dire, che andava intercettata. “La distanza tra le due zone di interesse era tale da giustificare l’investimento – precisa Sarni -, solo che adesso ci troviamo di fronte interlocutori diversi ed un contesto profondamente cambiato”. I numeri, tuttavia, continuano ad essere da capogiro. A maggior ragione per via dell'”esiguo spazio disponibile” nel centro Ipercoop-Mongolfiera. “In tutta Italia continuiamo a lavorare in Autostrada – conclude Sarni -, non è il periodo migliore per fare investimenti. Ma abbiamo preso un impegno con il nostro territorio e lo manterremo fino alla fine”.