Droga a Mattinata e Zapponeta, sequestrate stecche di hashish. Carabinieri fermano due spacciatori

IMG_6465

Saverio Iacoviello
Saverio Iacoviello

I carabinieri di Manfredonia, in due distinte operazioni, hanno arrestato il 44enne Saverio Iacoviello a Zapponeta e il 24enne Michele Pio Nobile a Mattinata per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Nel primo caso i militari dell’Arma, nel corso di un controllo, insospettiti dall’atteggiamento guardingo di Iacoviello, hanno proceduto ad una perquisizione personale, poi estesa alla sua autovettura, rinvenendo una stecca di hashish di 5 grammi, avvolta in carta da giornale, occultata sotto la leva del freno a mano. Nella tasca del jeans indossato dal malfattore sono spuntate anche diverse banconote di vario taglio, per un ammontare complessivo pari a 500 euro.
La perquisizione è stata estesa, successivamente, all’abitazione dell’uomo e, precisamente, sul terrazzo esterno dove sono stati rinvenuti altri 9 involucri di carta da giornale contenenti stecche di hashish confezionati nello stesso modo con cui era stato rinvenuto il primo involucro sull’autovettura. Nel complesso, quindi, sono state sequestrate 46 stecche di hashish per un peso complessivo pari a 180 grammi e il denaro contante, provento dell’attività delittuosa, per un ammontare di 500 euro circa. Secondo i carabinieri tutti elementi che mettono alla luce la finalità di spaccio dello stupefacente, pertanto Iacoviello è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari.

Michele Nobile
Michele Nobile

Nel secondo caso, invece, i carabinieri, avendo il sospetto che Nobile potesse nascondere sostanze stupefacenti all’interno della sua abitazione, hanno effettuato una perquisizione domiciliare, rinvenendo all’interno della camera da letto, sostanza stupefacente del tipo hashish, occultata su una libreria. A seguito di tale rinvenimento, la perquisizione è stata estesa al box e alla cantina di pertinenza dell’abitazione, dove sono stati rinvenuti altri piccoli quantitativi di sostanza, due bilancini di precisione e due coltelli, intrisi di sostanza stupefacente dello stesso tipo.
La sostanza stupefacente conteneva un principio attivo altissimo, pari al 50 % circa, tanto che dai 30 grammi complessivamente sequestrati sarebbe stato possibile ricavare 178 dosi. Nobile, già censito dai carabinieri in passato, è stato dichiarato in arresto e sottoposto al regime della detenzione domiciliare.