Un 18enne picchia e accoltella la convivente davanti al figlio neonato. Storia di degrado sul Gargano

Minacce e violenze sul Gargano, per l’esattezza a Cagnano Varano dove i carabinieri hanno tratto in arresto Anthony Lombardi, appena diciottenne, ritenuto responsabile di minaccia aggravata, lesioni personali e maltrattamenti nei confronti della sua coetanea convivente.

I militari, a seguito della denuncia resa dalla vittima, sono intervenuti presso la loro abitazione, rinvenendo, nel corso della perquisizione, il coltello utilizzato dal giovane poco prima per minacciare e colpire la sua convivente, procurandole delle lesioni.

La giovane vittima, temendo per la sua vita e soprattutto per quella del bambino appena partorito, al culmine dell’ennesimo litigio durante il quale è stata colpita ripetutamente a volto e collo, ha trovato il coraggio di denunciare ai carabinieri i soprusi e le violenze che era stata costretta a subire durante il periodo di convivenza.

La ricostruzione dettagliata dei fatti denunciati ed i riscontri immediatamente raccolti dai militari hanno permesso di raccogliere seri indizi di colpevolezza a carico del giovane Lombardi. Il 18enne è stato quindi arrestato e condotto nel carcere di Foggia.