Due milioni di euro per Taranto e Foggia con lo “Sblocca Italia”. De Leonardis: “Provvedimento contestato dalla Regione Puglia”

“Un decreto attuativo dello ‘Sblocca Italia’ – tanto contestato dalla giunta regionale e dalla maggioranza di centrosinistra -, che prevede lo stanziamento dei primi cinquanta milioni (su cento previsti) per lavori di completamento di interventi urgenti su immobili di proprietà demaniale”.

“Un decreto attuativo dello ‘Sblocca Italia’ – tanto contestato dalla giunta regionale e dalla maggioranza di centrosinistra -, che prevede lo stanziamento dei primi cinquanta milioni (su cento previsti) per lavori di completamento di interventi urgenti su immobili di proprietà demaniale, ha permesso lo stanziamento di due milioni di euro complessivi per le sedi dei comandi provinciali dei Vigili del Fuoco di Foggia e Taranto (uno per ognuna delle due sedi)”. Ad intervenire dopo la decisione della Regione Puglia di adire alla Consulta per lo Sblocca Italia è il consigliere regionale Giannicola De Leonardis. “La firma ieri del Ministro per le Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi – continua -, che continua nel suo ammirevole impegno a fari spenti, lontano dalle polemiche e strumentalizzazioni, dagli annunci e dalle promesse. Un impegno dai riscontri significativi per il nostro territorio e per la nostra regione che meriterebbe invece di essere evidenziato e salutato con favore, così come la sua volontà di bruciare le tappe per recuperare il tempo perso in anni di immobilismo e paralisi, che hanno prodotto conseguenze disastrose in particolare nel Sud Italia. Adesso il milione di euro in arrivo avrà certamente un impatto significativo sui nuovi comandi provinciali dei vigili del fuoco delle due città pugliesi interessate, e di conseguenza sulla qualità degli importanti servizi offerti ai cittadini, e del lavoro di personale desideroso e meritevole di essere considerato valorizzato, piuttosto che trascurato e mortificato. Al Ministro Lupi va quindi il ringraziamento mio personale e del Nuovo Centrodestra – conclude -, a livello provinciale e regionale, per aver accolto con immediatezza e determinazione segnalazioni e sollecitazioni che recepivano istanze provenienti dal territorio”.