Panico in un condominio di San Severo, giovane tenta di incendiare casa poi si barrica in bagno

Attimi di panico in un condominio di San Severo. Un ragazzo di 29 anni si è barricato in bagno dopo aver tentato di incendiare l’appartamento, i carabinieri però, sono riusciti a bloccarlo e arrestarlo. Sul giovane pendono le accuse di reato di incendio e resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

Attimi di panico in un condominio di San Severo. Un ragazzo di 29 anni si è barricato in bagno dopo aver tentato di incendiare l’appartamento, i carabinieri però, sono riusciti a bloccarlo e arrestarlo. Sul giovane pendono le accuse di reato di incendio e resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

Intorno alle 15 di ieri, una pattuglia del radiomobile è intervenuta in via Amendola, dove era stato segnalato un incendio in un condominio. Giunti sul posto, i carabinieri hanno trovato i condomini nel cortile dello stabile. Presenti i Vigili del Fuoco che avevano appena domato un incendio divampato da una cucina. Nel palazzo ormai c’era solo lui, il 29enne reo di aver appiccato il fuoco. Il ragazzo si era rinchiuso in bagno e non voleva uscire dall’appartamento.

Una volta evacuata l’intera palazzina e messa in sicurezza la rete di fornitura del gas, i carabinieri hanno raggiunto l’abitazione che si presentava tutta a soqquadro con i vetri delle finestre rotti, le porte scardinate e la cucina completamente annerita dall’incendio.

Invitato ad uscire dalla stanza dove era rinchiuso, il giovane ha aperto la porta inveendo contro i militari brandendo un martello. I carabinieri sono riusciti a disarmarlo non senza problemi. Il ragazzo infatti, in evidente stato di alterazione, si è divincolato aggredendo i militari.

È stato necessario l’intervento di altri carabinieri per bloccarlo e portarlo in caserma. Tre militari hanno riportato ferite varie. L’arrestato è ora nel carcere di Foggia.