La battaglia di Luigi Fusco, petizione per fermare le stragi sulla strada dell’Incoronata

Luigi Fusco, da sempre attivo in politica, si è reso promotore di una petizione per gli abitanti di Borgo Segezia e Borgo Cervaro, che ha per oggetto la collocazione di limitatori di velocità e della realizzazione di una rotatoria, ovvero di segnaletiche per rendere visibile e più identificabile agli autisti l’incrocio.

Luigi Fusco con l’ex Presidente del Senato, Renato Schifani

Luigi Fusco, da sempre attivo in politica, si è reso promotore di una petizione per gli abitanti di Borgo Segezia e Borgo Cervaro, che ha per oggetto la collocazione di limitatori di velocità e della realizzazione di una rotatoria, ovvero di segnaletiche per rendere visibile e più identificabile agli autisti l’incrocio.

“Durante il mio percorso politico, dichiara Fusco, sono sempre stato dalla parte di chi soffre e di chi non ha possibilità di far sentire la propria voce e di chi ha perso fiducia nelle istituzioni. Mi sono attivato per far sì che, attraverso la realizzazione di una rotatoria e di adeguati impianti di illuminazione notturna, su una strada che per caratteristiche di conformazione si presta ad essere attraversata anche ad alte velocità. Spero così che si raggiunga l’obiettivo di ridurre sensibilmente la velocità per tutti i veicoli che si trovino a transitare sulla strada San Lorenzo al km. 11,500 Foggia – Ordona crocevia per il Santuario dell’Incoronata. Questo per garantire al meglio la sicurezza e l’incolumità di quanti, pedoni e ciclisti, si trovino a circolare lungo tale via che è stata e continua ad essere macchiata dal sangue di vittime innocenti da parte di pirati della strada”. Infatti, a causa dell’ incrocio la cui visibilità è oltremodo impedita per la presenza di una abbondante vegetazione incolta che non rende favorevole la visione dell’arrivo dei veicoli provenienti sia dalla direzione che immette al santuario dell’ Incoronata di Foggia che i veicoli provenienti dalla direzione urbana Ordona – Foggia, sono decedute tante persone, tra le quali, basti ricordare tra gli ultimi, il 12 luglio 2011, il ciclista S. C. di 43 anni.

“Non bisogna aspettare che altre persone subiscano la medesima sorte – commenta Fusco -. Bisogna porre fine a questi tristi episodi che hanno causato tante vittime della strada”. Fusco, candidato alle prossime amministrative nelle fila di Landella, si è reso parte attiva della petizione nei confronti degli organi deputati a risolvere la problematica richiedendo la messa in sicurezza dell’incrocio, attraverso la realizzazione di una rotatoria di dissuasori di velocità e dell’installazione di segnaletiche, per impedire agli automobilisti di passaggio di impegnare l’incrocio, con velocità sostenuta ovvero di quanto possa essere di aiuto ad evitare le numerose vittime della strada”.