Al via “I musei raccontano la Puglia”, c’è anche Foggia. La firma alla Fiera del Levante

È l'iniziativa della Regione finalizzata a coinvolgere bambini e ragazzi fino a tredici anni in attività di fruizione, uso consapevole e conoscenza dei beni culturali, degli istituti e luoghi di cultura pugliesi



“Con la firma del disciplinare tra Regione Puglia, Apulia Film Commission e i responsabili di alcuni musei del territorio regionale, prevista per domani presso il Padiglione 152 della Fiera del Levante, prenderà avvio la operatività della misura “I Musei raccontano la Puglia”, l’iniziativa della Regione finalizzata a coinvolgere bambini e ragazzi fino a tredici anni in attività di fruizione, uso consapevole e conoscenza dei beni culturali, degli istituti e luoghi di cultura pugliesi.
“Si tratta di una misura con cui la Regione Puglia – dice il consigliere regionale di Noi a Sinistra, Enzo Colonna – ha dato attuazione a una disposizione inserita, su mia proposta, nella legge di bilancio per il 2018 approvata alla fine dello scorso anno (art. 42 della legge regionale 67/2017), con cui sono stati destinati 600 mila euro (per il triennio 2018/2020) per finanziare azioni finalizzate alla conoscenza e alla fruizione consapevole del vastissimo patrimonio di beni, istituti, luoghi culturali pugliesi da parte di bambini e ragazzi che possono e devono essere educati, sin dalla più tenera età, ad amare e preservare la bellezza che li circonda”.

Questa iniziativa è stata poi inserita e integrata nel pacchetto di misure previste dal programma “La Murgia e la Terra delle Gravine abbracciano Matera”, un ambizioso piano di interventi che vede come attori, oltre alla Regione, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, quello dello Sviluppo Economico e il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, uniti in una azione strategica di valorizzazione e fruizione del patrimonio naturale e culturale dei territori della Murgia barese e tarantina a ridosso di Matera, anche in vista dell’appuntamento di “Matera, Capitale Europea della Cultura 2019”.
I musei cittadini che domani sottoscriveranno la convenzione sono stati individuati, uno per provincia, quali soggetti capofila per l’attuazione di questo progetto sperimentale, sulla base di valutazioni degli standard e dei servizi offerti da queste strutture. Si tratta, in particolare, del Museo civico di Foggia, del Museo Archeologico e dell’Arte Contemporanea (MACC) di Ceglie Messapica, del Museo del Libro di Ruvo, del Museo della Maiolica di Laterza, del Museo Archeologico di Ugento, nonché dei Poli Biblio-Museali di Brindisi, di Foggia e di Lecce. Tali enti dovranno, a loro volta, aggregare nelle azioni altri musei e istituti scolastici dei comuni limitrofi.

La convenzione disciplinerà la concessione dei finanziamenti regionali, pari a 30 mila euro per ciascun soggetto capofila e che potranno coprire sino al 100% dei costi. Le attività dovranno essere avviate entro le prossime settimane e concludersi entro la data del 28 febbraio 2019. Potranno prevedere, ad esempio, visite e laboratori didattici su storia e archeologia, letture tattili dei libri su scienza arte e musica nei musei individuati per scuole dell’infanzia e famiglie (età 0-6 anni), spettacoli teatrali, scientifici e storici nei musei per tutti famiglie e scuole, piani di comunicazione dei progetti e la realizzazione di video.

“Sono molto soddisfatto – aggiunge Colonna – per l’avvio di questo innovativo programma regionale, attraverso cui sarà possibile promuovere iniziative sperimentali e innovative dedicate a sostenere una nuova azione di promozione educativa-culturale e di valorizzazione museale anche attraverso un approccio ludico-creativo, esperienziale, interattivo e narrativo.
Ringrazio, per l’impulso fornito, il Presidente Emiliano e l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone; ringrazio inoltre, per il grande lavoro svolto, il dipartimento regionale “Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio” e, in particolare, lo Staff della sezione “Valorizzazione Territoriale”, diretta da Silvia Pellegrini”.

Ultima modifica: 11 settembre 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione