Monnezza romana, c’è la convenzione: 120 tonnellate a Foggia e 30 a Bari. Stabilita anche la tariffa | VIDEO

Ad assorbire i rifiuti della Capitale sarà per grossa parte l’impianto di biostabilizzazione di Passo Breccioso



Sta per partire la bozza di convenzione tra Amiu Puglia e Ama per i rifiuti da Roma. Bisognerà solo attendere che venga ratificata e sottoscritta nella Capitale in maniera definitiva. Le due società hanno stabilito la tariffa, pari a circa 150 euro a tonnellata, una somma che porterà per le 150 tonnellate quotidiane nelle casse degli impianti di trattamento di Amiu Puglia 450 mila euro (per un periodo di 20 giorni). Ad assorbire la monnezza romana sarà per grossa parte l’impianto di biostabilizzazione di Passo Breccioso a Foggia, che dovrebbe poter raccogliere fino ad un massimo di 120 tonnellate al giorno, il resto, pari a 30 tonnellate andrà a Bari.

Chissà se Amiu Puglia nello scegliere il claim per la raccolta differenziata “Chi ti ama. Fa la differenza”, ha voluto lanciare messaggi subliminali all’azienda di nettezza urbana romana. L’utile di tutta l’operazione appare corposo né si può immaginare che venga distribuito per l’80% al Comune di Bari, se è invece sarà Foggia a trattare l’80% del carico dei tir romani. In base all’accordo arriveranno tra le 3000 e le 3500 tonnellate totali, meno di quanto produce Roma in due giorni in termini di indifferenziato.

Raggi e Zingaretti dovranno trovare al più presto altre soluzioni per non rischiare di arrivare nuovamente al collasso del sistema. Intanto l’Ama ha messo in piedi una maxi gara da circa 188 milioni di euro per mettere in sicurezza la città di Roma e individuare “soggetti che possano sopperire alla carenza” impiantistica aziendale. Lo ha annunciato il direttore operativo dell’Ama Massimo Bagatti nel corso della commissione ambiente. Dopo un’analoga gara andata deserta, il direttore operativo ha affermato di aver reso il bando più appetibile.

A Passo Breccioso i residenti aspettano i tir, mentre sono cominciati più lavori di messa in sicurezza sulle discariche esauste.

Ultima modifica: 13 giugno 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione