Cassette nido per riportare i falchi grillai a Foggia, Poligrafico nuova “riserva naturale”

L'iniziativa nell’area “paglia” bonificata, tramutata da problema a valore ambientale



Era il 2006 quando una coppia di Grillai tornò a nidificare dopo decenni nel centro storico di Foggia. Continuò a riprodursi sulla Cattedrale, nel 2008 se ne recuperò anche un giovane caduto maldestramente dal nido, fino all’ultima nidificazione nel 2010.  Poi i lavori di restauro dell’edificio impedirono la nidificazione di questi falchi che, tuttavia proprio nel 2011, furono rilevati dalla LIPU alle porte del capoluogo dauno, con 2 coppie nidificanti su edifici dismessi nell’area agricola di pertinenza della Cartiera (cosiddetta area “parco paglia”).

Un’area tristemente nota, sede di un impianto di produzione di aggressivi chimici a fini bellici  durante la seconda guerra mondiale. I Grillai avevano scelto la storica torre del periodo fascista e le vicine strutture diroccate. Negli anni successivi la presenza dei falchi si era consolidata fino a 5 coppie, inducendo la LIPU ad avviare nel 2013 contatti con la direzione dell’IPSZ (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato) allo scopo di favorire la tutela della specie. Purtroppo l’area del “parco paglia” non poteva essere accessibile, per ragioni di sicurezza.

Si è dovuto attendere i lavori di bonifica della zona, intrapresi dal Poligrafico con un complesso iter progettuale e amministrativo dal 2014 e avviati nel 2016. Ciò ha comportato anche la rimozione inderogabile di manufatti edilizi pericolanti su cui nidificavano alcune delle coppie. Ma finalmente quest’anno la LIPU ha potuto collocare apposite cassette nido, mutuando l’esperienza ventennale maturata con le popolazioni di Grillai nella Murgia.

“E’ il parziale epilogo di una bella storia – evidenzia il responsabile della LIPU, Cripezzi -. L’iniziativa potrà favorire il successo riproduttivo per questa piccola colonia di Grillai: grazie alla tutela assicurata dal Poligrafico, l’area ha maturato caratteri di tranquillità e un ambiente idoneo per la specie”. Di fatto, la zona è paragonabile a una Riserva naturale: decine di ettari miracolosamente scampati all’espansione edilizia dalle notevoli potenzialità naturalistiche, in simbiosi con la storica torre vincolata dalla Soprintendenza. “Siamo lieti di aver avviato questa collaborazione – aggiunge il dr. Tragna, Project Manager del Poligrafico. – La politica dell’IPZS è da sempre orientata all’integrazione con il territorio e a valorizzare il rapporto con la collettività. L’importanza di quest’area e la presenza di specie faunistiche contemplate dalle direttive comunitarie, è motivo di vanto e orgoglio che va ad aggiungersi all’interesse storico architettonica della torre”. Intanto Poligrafico e LIPU sperano che questi falchi migratori trovino di loro gradimento le prime cassette nido e mettano su famiglia.

 

Ultima modifica: 12 giugno 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione