Truffa del Folletto, beccata casalinga foggiana. Vendeva aspirapolvere fantasma

Dalla Capitanata una casalinga si è insidiata nei siti di compravendita più cliccati piazzando annunci trattanti la vendita del Folletto, noto aspirapolvere



Dalla Capitanata una casalinga si è insidiata nei siti di compravendita più cliccati piazzando annunci trattanti la vendita del Folletto, noto aspirapolvere. Le trattative correvano via mail e quando sulla carta prepagata veniva accreditato il corrispettivo dovuto, alla vendita non corrispondeva la spedizione del folletto. Quando l’acquirente lamentava il ritardo l’astuta casalinga spariva nel nulla. Una vera e propria truffatrice la 43enne della provincia di Foggia scoperta dai carabinieri della Stazione di Poviglio che l’hanno denunciata alla Procura di Reggio Emilia per il reato di truffa.
La vittima, una operaio 55enne di Poviglio, volendo regalare l’aspirapolvere alla moglie, ha risposto ad un annuncio su un sito di e-commerce acquistando un folletto usato con l’accessorio “Picchio” al prezzo concordato di 250 euro che ha versato tramite bonifico per poi scoprire di essere raggirato allorquando non ha ricevuto l’aspirapolvere acquistato. Materializzato di essere rimasti vittima di un raggiro l’uomo si è presentato ai carabinieri della Stazione di Poviglio formalizzando la denuncia per truffa. Dopo una serie di riscontri tra l’indirizzo mail dove la trattativa era stata intavolata, l’IP del computer utilizzato per l’annuncio trappola e la carta prepagata dove erano stati versati i soldi, i Carabinieri catalizzavano le attenzioni investigative sull’odierna indagata nei cui confronti venivano acquisiti una serie di incontrovertibili elementi di responsabilità per il reato di truffa per la cui ipotesi di reato veniva quindi denunciata.

Ultima modifica: 17 aprile 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione