Tensione in ospedale a Foggia, non vuole aspettare il proprio turno e aggredisce operatore sanitario

Per la vittima nulla di grave tanto che non c'è stato nemmeno bisogno di medicazione o referti



Violenza agli Ospedali Riuniti di Foggia. Ieri sera attorno alle 20e30, un 30enne in Pronto soccorso ha aggredito con un calcio un operatore sanitario con la pretesa di essere subito medicato, senza attendere il proprio turno. Per la vittima nulla di grave tanto che non c’è stato nemmeno bisogno di medicazione o referti. L’aggressore – un giovane con problemi di tossicodipendenza – è stato denunciato grazie all’immediato intervento di una volante della polizia. Resta alto l’allarme sicurezza nei presidi ospedalieri.

Ultima modifica: 16 aprile 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione