Ospedale Manfredonia, imminente chiusura reparti di Ortopedia e Chirurgia

Ospedale Manfredonia

Un grido di dolore dall’ospedale di Manfredonia dove la crisi della struttura non conosce fine. Michele Troiano, responsabile emerito URP ha scritto una lettera per augurare buon anno ai colleghi ma anche per annunciare alcune novità non certo positive per la sanità in riva al golfo.

“Carissime colleghe e carissimi colleghi (colleghi perchè anche se sono passati 7 anni dal mio collocamento a riposo, il mio cuore e il mio interesse sono sempre lì in ospedale e nella sanità in generale) colgo l’occasione per porgere, come ho sempre fatto nei miei 40 anni di attività, i miei migliori auguri a voi e alle vostre famiglie per il nuovo anno. Auguri che purtroppo per il nostro ospedale – aggiunge – non sono attuabili visti i futuri sviluppi negativi per una imminente chiusura dell’Ortopedia e di conseguenza della Chirurgia e della Sala Operatoria. Molti hanno creduto sempre alle bugie dei nostri dirigenti e dei nostri politici che ci rassicurarono sul fatto che avrebbero chiuso solo l’Ostetricia e la Pediatria mentre sarebbero rimasti aperti tutti gli altri reparti. Balle e solo balle! Da anni insisto nel dire che è tutta una presa in giro e che il nostro ospedale, con l’attuale amministrazione regionale, in primis con il Governatore Michele Emiliano, si sarebbe ridotto ad un semplice Poliambulatorio mentre sarebbero rimasti in piedi gli altri due ospedali di Cerignola e di San Severo che evidentemente hanno dei politici che fanno bene il loro dovere di difendere le proprie città”.

“Del resto – aggiunge Troiano – basta vedere come sono state ridotte le due divisioni sopra riportate, pianta organica di medici inadeguata e attrezzature non al passo dei tempi. Dopo 47 anni dalla sua apertura (il nostro ospedale per oltre 40 anni è stato un gioiellino) ora è costretto a chiudere.

Ma è questo il progresso? Così si migliorano i servizi per i cittadini? È questa la battaglia che la Sinistra Italiana ha portato avanti per 30 anni sfociata nella Legge di Riforma Sanitaria della fine degli anni ’70 e inizio anni ’80? E dire che la nostra città è stata sempre amministrata da uomini di sinistra. Allora coraggio. Muoviamoci. Siamo ancora in tempo perchè a breve, come sappiamo tutti, ci saranno elezioni politiche. L’ho già detto altre volte, citando un grande personaggio: “Un popolo che non lotta per i propri diritti è un popolo senza dignità”. Io sono con voi in prima linea – conclude Troiano – a lottare per questi nostri diritti”.

  • Giustizia e legalità

    Mi piace davvero, l’idea di cercare di salvare l’ospedale di Manfredonia, cogliendo al volo l’occasione delle elezioni imminenti…! Meno male, che è lo stesso ideatore della soluzione, ad avere prima sottolineato che ” …molti hanno creduto sempre alle bugie dei nostri dirigenti e politici.. balle e solo balle…”, ed anche che ” ..da anni insisto nel dire che è tutta una presa in giro…” ! Ma, allora, viene spontaneo chiedersi : e, perchè, questa volta dovrebbe essere diverso ? Perchè, c’è qualche suo amico candidato ? Tanto, sono tutti uguali : senza una adeguata cura di memoserina, dimenticano subito le promesse fatte in campagna elettorale, o no ?