Nel presepe vivente di Rignano arrivano i Re Magi. Riti anti-malocchio ed usanze del passato

Dopo il grande successo di pubblico dello scorso 26 dicembre, la XX edizione del Presepe Vivente si avvia alla conclusione nella giornata dedicata all’Epifania, a partire dalle 16, con l’arrivo dei Re Magi. L’evento si svolgererà in un percorso lungo il quale centinaia di figuranti del posto, riporteranno alla vita i mestieri ed i diversi aspetti …



Dopo il grande successo di pubblico dello scorso 26 dicembre, la XX edizione del Presepe Vivente si avvia alla conclusione nella giornata dedicata all’Epifania, a partire dalle 16, con l’arrivo dei Re Magi. L’evento si svolgererà in un percorso lungo il quale centinaia di figuranti del posto, riporteranno alla vita i mestieri ed i diversi aspetti della vita sociale e domestica di inizio Novecento.
I visitatori potranno ammirare e riscoprire gli utensili di un tempo e gli arredi semplici e rudimentali delle abitazioni, dal rito “dell’affascinaturë”, un rito antico per togliere il malocchio, all’attività della scuola, dalle ricamatrici alla “massarijë”, il covo dei briganti, fino a giungere alla Santa Natività.

[wzslider]
Inoltre, lungo il percorso, è allestita una mostra fotografica dedicata ai vent’anni di attività dell’Associazione Presepe Vivente e, presso il Centro Multimediale Grotta Paglicci i visitatori potranno riscoprire le tecniche di vita preistoriche, come l’accensione del fuoco o la costruzione di lance, attraverso un laboratorio didattico archeologico a cura del Centro Studi Grotta Paglicci.
L’evento gode del patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Foggia, del Comune di Rignano Garganico, del Parco Nazionale del Gargano.
Un sentito ringraziamento va alle Forze dell’Ordine, alla Parrocchia Maria SS Assunta, all’Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco, alla Pro Loco Rignano Garganico, al Consorzio Pro Loco Gargano, alla A.N.VV.F.C. – Protezione Civile, gli Amici di San Rocco, al Centro Studi Paglicci, nonché tutte le aziende e tutti i volontari che hanno contribuito alla buona realizzazione dell’evento.

Ultima modifica: 20 febbraio 2018

In questo articolo