Rilancio periferie foggiane, Landella a Roma firma convenzione. Un programma da 28 milioni

“La firma di questo pomeriggio assicura alla città di Foggia l’arrivo del più ingente finanziamento pubblico mai ottenuto dopo il “Piano Urban” ed avvia una stagione di virtuosa rivitalizzazione del sistema delle opere pubbliche, ancorandola a finalità profondamente sociali. Un risultato che sarà importante anche sotto il profilo delle sue conseguenze in termini di opportunità …



“La firma di questo pomeriggio assicura alla città di Foggia l’arrivo del più ingente finanziamento pubblico mai ottenuto dopo il “Piano Urban” ed avvia una stagione di virtuosa rivitalizzazione del sistema delle opere pubbliche, ancorandola a finalità profondamente sociali. Un risultato che sarà importante anche sotto il profilo delle sue conseguenze in termini di opportunità occupazionali e che chiama l’imprenditoria privata a misurarsi ancor più concretamente sul terreno della collaborazione con i livelli istituzionali”. È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, alla firma, avvenuta questo pomeriggio presso la Sala Verde di Palazzo Chigi, della Convenzione tra l’Amministrazione comunale e la Presidenza del Consiglio del Ministri, attraverso cui sono stati resi disponibili per il Comune di Foggia i finanziamenti previsti per il programma “Da periferia a periferia”, presentato dall’Ente di Palazzo di Città con riferimento al bando per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.

Il programma “Da periferia a periferia” mobiliterà risorse economiche per un ammontare complessivo di 18 milioni di euro di finanziamenti pubblici, cui si aggiungerà il contributo dei privati, per un totale di 28.391.503,89 di euro.

“È doveroso ringraziare il Governo, per aver mantenuto l’impegno di recuperare le risorse economiche necessarie ad assicurare il finanziamento dei progetti presentati, e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, per la serietà con cui ha seguito l’iter del bando ed ha sollecitato l’esecutivo nazionale a garantire la necessaria attenzione alle istanze manifestate da moltissime Amministrazioni comunali, tra cui appunto quella di Foggia – dichiara il primo cittadino –. Un grazie, ovviamente, va all’assessore comunale all’Urbanistica, Francesco D’Emilio, ed al dirigente dell’Area Tecnica, Paolo Affatato. La sottoscrizione di questa Convenzione mette il nostro Comune nella condizione di utilizzare una dotazione finanziaria rilevante e di avviare il percorso per la realizzazione di interventi particolarmente importanti per il loro valore e per le loro finalità”.

Il progetto immaginato dall’Amministrazione comunale ha come finalità quella di utilizzare le opportunità finanziarie legate al bando governativo cogliendo un duplice obiettivo: operare una riqualificazione urbana e contestualmente mettere in campo strumenti che, mettendo in collegamento le periferie, riqualificando il loro patrimonio edilizio e realizzando occasioni di rinascita sociale, culturale ed educativa, possano produrre un efficace contrasto a quel degrado che nelle zone più distanti dal centro cittadino si manifesta in modo accentuato.

“Siamo estremamente fiduciosi circa i risultati dell’attività che tra poco sarà attivata dal Comune – aggiunge il sindaco di Foggia –. Il raggiungimento dei traguardi che ci siamo posti è tra le più importanti sfide che abbiamo di fronte, perché impone di coniugare la buona amministrazione con la lotta a quei fenomeni che, purtroppo, allontanano, non solo dal punto di vista “fisico”, le periferie dal centro di Foggia. I quartieri “Cep” e “Candelaro”, da questo punto di vista, saranno tra i luoghi più importanti in cui sperimenteremo questa capacità”.

“Dopo un lungo periodo di lavoro siamo finalmente in dirittura d’arrivo – aggiunge l’assessore comunale con delega all’Urbanistica, Francesco D’Emilio –. Siamo dunque prossimi ad attuare un grande piano che produca riqualificazione urbana ed inclusione sociale, entrambi antidoti alla marginalizzazione ed al disagio sociali, soprattutto tra le giovani generazioni. La stipula formale della Convenzione chiude anche simbolicamente un anno che nella sua parte finale ha riservato molte buone notizie alla nostra comunità: dai finanziamenti che abbiamo “blindato” oggi alle risorse, per la precisione 1 milione 500mila euro, destinate alla viabilità ciclabile in attuazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile adottato dal Consiglio comunale, fino alla chiusura definitiva della fase burocratica inerente la “Nuova Orbitale Urbana area ovest” – conclude l’assessore D’Emilio –. Il 2017 si rivela quindi un anno all’insegna della programmazione e della pianificazione, in cui cominciare a raccogliere realmente e concretamente i frutti dell’attività messa in campo sino ad oggi per la crescita e lo sviluppo della nostra città. Un’attività destinata a proseguire, essendo ancora moltissime le iniziative e le progettualità su cui si sta operando e che sono già state candidate a finanziamento, a partire dal progetto di rigenerazione urbana riferito al quartiere “Borgo Croci””.

Ultima modifica: 20 febbraio 2018

In questo articolo