Musei Foggia, svolta per dipendenti Promodaunia. Sottoscritto accordo in Provincia

“Siamo soddisfatti per aver dato una svolta ad una vertenza decennale e per aver contribuito ad avviare un percorso che ci auguriamo conduca alla stabilizzazione dei lavoratori”. Questo il resoconto di Elio Dota, segretario generale Uiltucs e Gianni Palma, segretario generale Filcams-Cgil Foggia, al termine del vertice che ha sancito la sottoscrizione di un accordo …



“Siamo soddisfatti per aver dato una svolta ad una vertenza decennale e per aver contribuito ad avviare un percorso che ci auguriamo conduca alla stabilizzazione dei lavoratori”.

Questo il resoconto di Elio Dota, segretario generale Uiltucs e Gianni Palma, segretario generale Filcams-Cgil Foggia, al termine del vertice che ha sancito la sottoscrizione di un accordo tra Luigi De Luca (Regione Puglia), Simonetta Dellomonaco (Teatro Pubblico Pugliese), Francesco Miglio (Presidente Provincia di Foggia), Giovanni Dattoli (dirigente Provincia), Rosa Cicolella (Promodaunia), Cgil, Cisl e Uil.

Oggetto dell’accordo il destino di dipendenti e strutture museali in carico a Promodaunia. Nel dettaglio, il TPP individuerà, mediante procedura di evidenza pubblica, una società partecipata, in possesso dei “requisiti di controllo analogo” alla quale affidare i servizi di valorizzazione dei beni della Provincia assumendo in toto i 29 dipendenti Promodaunia e garantendo il rispetto della “clausola sociale di salvaguardia” in continuità con i servizi finora svolti; ai lavoratori sarà garantito un periodo di aspettativa non retribuita pari a 70 giorni a copertura dei tempi tecnici necessari per espletare tutte le procedure; la Regione si impegna a rispettare il termine di 70 giorni per l’individuazione della partecipata; le parti concordano sulla necessità di pensare ad una soluzione che vada oltre l’emergenza e che assicuri continuità ai servizi.

“Siamo riusciti a traghettare i lavoratori, senza soluzione di continuità, verso la svolta definitiva e a porre i tasselli fondamentali per la stabilizzazione”, concludono le rappresentanze sindacali esprimendo soddisfazione.

Ultima modifica: 20 febbraio 2018

In questo articolo